Chris Nikic, il primo Ironman con Sindrome di Down

Getting 1% Better Every Day - fare l’1% meglio ogni giorno

Chris Nikic è un atleta americano di 20 anni nato con la Sindrome di Down. Ciò non gli impedisce di realizzare sogni e aspirazioni. Sta infatti per affrontare una delle sfide più difficili che ci siano in ambito sportivo: l’Ironman Florida – gara di triathlon che prevede 42 km di corsa, 180 km di bicicletta e 3,8 km di nuoto – che si svolgerà il prossimo 7 novembre 2020 a Panama City.

Chris è seguito costantemente dai suoi orgogliosissimi genitori: «È difficile non seguirlo in questa sua passione per il triathlon quando lo vedi ridere e divertirsi così tanto” – racconta il padre –. Porta il sole in una stanza».

«Non vedo l’ora – dice Chris ai tanti giornalisti americani che si sono interessati alla sua storia – di tagliare il traguardo e sentirmi gridare: “You’re an Ironman”». E sicuramente lo farà con quell’1% in più che lo rende un ragazzo speciale, e che lo ha anche convinto a buttarsi alle spalle la timidezza e la sensazione di non essere all’altezza per salire su un palco e spiegare, davanti a centinaia di persone, il suo progetto di crescita personale: Getting 1% Better Every Day. Chris ci insegna che nella vita basta fare un passo per volta, un gradino alla volta, per arrivare a raggiungere i nostri sogni, lavorando con costanza ed impegno: fare l’1% meglio ogni giorno.

Chris è convito che attraverso lo sport si diventi persone migliori. Ogni giorno, dopo la scuola, va in palestra per tre ore: spinning, tapis roulant, ma anche zumba e basket; si allena cinque o sei volte a settimana e non salta un giorno, anche perché – come ammette egli stesso sorridendo – ama mangiare!

L’avventura di Chris con il triathlon è iniziata quattro anni fa, a 16 anni. Ha scelto il triathlon perché ama sfidarsi. Dopo un anno però si è dovuto fermare a causa di più interventi alle orecchie. Lo stop di 24 mesi gli ha tolto forza fisica, tanto che, quando è tornato a fare sport, nel 2019, riusciva a malapena a nuotare in una piscina, correva solo fino a 100 metri e aveva difficoltà a stare in sella alla sua bici. Ma la sua determinazione nel fissare obiettivi e nel migliorarsi dell’1% ogni giorno per raggiungerli, lo hanno portato, come dice il padre, «dall’essere a malapena in grado di fare qualsiasi cosa a correre un triathlon su distanza olimpica». Chris infatti ha già portato a termine sei triathlon sprint e un olimpico, che ha corso il 5 gennaio scorso. Ora la sua agenda di impegni riporta altre 5 tappe fondamentali in vista di novembre: un altro triathlon olimpico, l’Ironman 70.3 Panama (23 agosto), il diploma e il suo compleanno in ottobre.

«Per Chris l’allenamento è un momento di gioia – dichiara Daniel Grieb, suo allenatore fin dall’inizio – in tutti questi anni non si è mai lamentato. Non gli importa vincere, si dà degli obiettivi cercando attraverso se stesso di ispirare persone che come lui sono nati con la sindrome di Down. Grazie al triathlon sta inconsciamente imparando a vivere in modo indipendente: comincia a elaborare più velocemente, aspetto che aumenta anche la sua sicurezza. La vita imita lo sport e lo sport imita la vita, insegnare a Chris a superare le sfide che si prefiggerà in campo sportivo, lo aiuterà a sua volta a vincere quelle che incontrerà nella sua vita. Sta imparando non solo a diventare un atleta migliore, ma anche un uomo migliore».

Il progetto Getting 1% Better Every Day lo porta nei palazzetti, nelle aziende, nelle scuole e ogni volta si ritrova a parlare in pubblico, cosa che non gli fa più paura, per spiegare la sua abitudine a migliorarsi dell’1% ogni giorno per raggiungere i propri obiettivi. Ed è il triathlon a dargli lo spunto, a fornirgli esperienze e fatti da raccontare, dai quali imparare.

Get 1% Better

Sicuramente Chirs taglierà quel traguardo e si sentirà gridare tre parole tanto semplici quanto emozionanti: “You’re an Ironman“. Ma per noi un ironman già lo è, come lo sono tutti coloro che affrontano i propri limiti con il sorriso, senza cedere alla rassegnazione ma inseguendo i propri sogni con fiducia. Questi ironman della quotidianità ci permettono di imparare che qualsiasi sfida la vita ci ponga dinnanzi abbiamo tutte le risorse dentro di noi per poterla affrontare!

 

(Fonte: www.mondotriathlon.it)

 

 






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok