PARADA: UN NASO ROSSO CONTRO L’INDIFFERENZA

Missione: togliere bambini, ragazzi e famiglie dalla strada attraverso l’arte sociale

La storia di Parada ha origine nel lontano 1992 quando il clown francese Miloud Oukili giunge a Bucarest, capitale della Romania, come volontario per un’associazione e subito scopre l’amara realtà dei “boskettari”: bambini e ragazzi orfani che vivono nei sotterranei della città in condizioni di estrema povertà. Nei primi anni successivi alla caduta della dittatura comunista di Ceaușescu, circa 4.000 fra bambini e ragazzi (quasi la metà di etnia rom), vivevano per strada a stretto contatto con la criminalità, l’alcol e le droghe chimiche, usate per stemperare la dura realtà della vita.

Miloud comincia allora a intrattenerli con giochi e spettacoli. La missione è chiara: per toglierli da quel mondo è necessario insegnare loro qualcosa che li distragga e, con l’aiuto di alcune Ong, nel 1996 fonda la Fundatia Parada. Dall’inizio delle sue attività Parada, tramite la campagna “Un naso rosso contro l’indifferenza” ha aiutato migliaia di ragazzi, ma il percorso è ancora molto difficile: nel 2012 la ricercatrice francese Clemènce Valin, ha stimato che nelle strade della città vivono ancora 1000/2000 ragazzi, di cui almeno 500 senza dimora. Uno dei fatti preoccupanti è che molti di questi ora sono giovani adulti e non è raro che siano famiglie nate proprio nei sotterranei di Bucarest, in condizioni igenico-sanitarie pericolosissime per la salute dei nascituri.

Per far fronte a questi e altri problemi (dovuti all’entrata della Romania nell’Unione Europea) Parada ha sviluppato diverse attività e progetti: assieme a Samu Social, è l’unica organizzazione attiva a Bucarest che incontra i ragazzi direttamente in strada per mezzo dell’unità mobile Caravana (per dare sostegno sociale, psicologico e sanitario); gestisce un centro diurno polifunzionale, un servizio scolastico, un programma artistico (incentrato sull’insegnamento dell’arte circense e la realizzazione di uno spettacolo), un programma di recupero attraverso il calcio (l’Inter Campus), un centro di formazione professionale e di ricerca lavoro; progetta anche di realizzare una centro di accoglienza e un’accademia di circo sociale. Tutto ciò ha fruttato a Miloud il premio UNICEF 2000 per l’infanzia e una laurea honoris causa condivisa con il mitico medico-clown Patch Adams.

La nobile attività di Parada negli anni ha dimostrato notevoli progressi: ogni anno aiuta circa 600 persone fra bambini, ragazzi e famiglie di strada attraverso l’arte sociale; quest’iniziativa pone l’attenzione sul voler attrarre i giovani ad uno spettacolo, fornire loro un quadro di riferimento basato su ordine e disciplina e coinvolgerli nella realizzazione di uno spettacolo circense. La formula è vincente: nel 1999 i ragazzi di Bucarest si sono esibiti davanti a Giovanni Paolo II, nel 2005 davanti a Benedetto XVI e sono stati ospiti diverse volte in TV (tra cui a Zelig, su invito di Claudio Bisio); in più ogni anno portano l’arte circense a circa 80.000 persone in tutta Italia.

Io ho visto uno dei loro spettacoli a Conegliano diversi anni fa, e ricordo bene che mi piacque molto l’idea di coinvolgere i ragazzi utilizzando un’arte sopraffina come quella del circo. Ricordo l’esibizione di Miloud e il suo mix fatale di clownerie e mimica in stile Charlie Chaplin che riusciva a zittire e incantare un’intera platea di ragazzi. L’esibizione però era solo l’antipasto: Miloud ci raccontò la storia di quei ragazzi e le attività della sua fondazione. Un bel modo per farci riflettere in modo genuino e non troppo noioso.

Dedicato alle loro attività è il filmPa-ra-da” di Marco Pontecorvo (2008), che narra la storia di Miloud e di come ha conosciuto la realtà della vita di strada a Bucarest e della sua successiva decisione di intraprendere un progetto per aiutare tutti quei ragazzi. Degno di nota è anche il libro “La banda del mondo di sotto” di Paola Dalmasso (2011, ed. Giralangolo), una detective story per ragazzi dedicata alla storia di Miloud e dei suoi “boskettari”.

Parada Italia Onlus (fondata nel 2006) tramite il suo sito internet www.parada.it e il portale www.lastradanelmondo.it pubblica le date della tournee e numerosi reportage sulla situazione dei bambini di strada in tutti i cinque continenti.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok