Più libri Più liberi

La fiera Più libri Più liberi di Roma, la Children’s Book Fair di Bologna e la scuola secondaria di primo grado A. Brustolon di Conegliano: tre Regioni diverse, tre realtà diverse, un solo filo conduttore.

Ogni anno, nel mese di dicembre, Roma ospita Più libri Più liberi, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria. In questa occasione, tra i 650 eventi in cui è possibile incontrare gli autori, assistere a reading e performance musicali e ascoltare dibattiti sulle tematiche di settore, vengono anche annunciate le due cinquine finaliste, scelte da un comitato scientifico, del Premio Strega Ragazze e Ragazzi coordinato da Fabio Geda e Stefano Petrocchi.

Il Premio Strega Ragazze e Ragazzi viene assegnato in occasione della Children’s Book Fair di Bologna ai due autori che risultano vincitori. Ci sono, infatti, due categorie: la categoria +6 (libri per bambini dai 6 ai 10 anni) e la categoria +11 (libri per ragazzi dagli 11 ai 15 anni). La giuria è costituita esclusivamente da ragazzi e ragazze fra i 6 e i 15 anni di età, provenienti da 100 scuole in Italia e all’estero e da gruppi di lettura di biblioteche distribuite su tutto il territorio nazionale.

La scuola secondaria di primo grado A. Brustolon, all’interno del proprio Progetto Lettura, coordinato da Ivana Abiti e dall’Associazione Altrestorie, si è candidata come giurata per il Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2020. La candidatura è stata accolta. Così, quest’anno, tra i circa mille ragazzi e ragazze che compongono la giuria di questo prestigioso concorso nazionale, ci sono anche dieci alunni di questa scuola coneglianese.

Otto di loro, accompagnati dalle insegnanti Donatella Iscaro e Tullia Larese, curatrici del Progetto Lettura sopra citato, si sono recati alla Fiera di Roma presso il Centro congressi “La Nuvola”, imbarcandosi, all’alba di mercoledì 4 dicembre scorso, in un viaggio iniziato e conclusosi in un’unica giornata. «È stata una giornata elettrizzante, tutto è filato liscio e non abbiamo avuto nessun intoppo negli spostamenti. Al centro congressi c’erano gli stand delle case editrici, c’erano gli editori, i giornalisti, gli autori. Sentivamo di essere nel posto giusto» racconta la professoressa Iscaro. Qui i ragazzi hanno avuto la possibilità di incontrare e intervistare gli scrittori e i traduttori dei cinque libri finalisti della categoria +11: L’età dei sogni di Annelise Heurtier (ed. Gallucci), Una per i Murphy di Lynda Mullaly Hunt (ed. Uovonero), Respira con me di Raffaella Romagnolo (Pelledoca), L’amore sconosciuto di Rebecca Stead (Terre di mezzo), Meno male che il tempo era bello di Florence Thinard (Camelozampa). «Uno degli aspetti più interessanti», spiega la professoressa Iscaro, «è stato quello di poter vedere e sentir parlare i traduttori che Sante Bandirali, della casa editrice Uovonero, ha definito gli scrittori invisibili». I traduttori rivestono, infatti, un ruolo fondamentale e delicato all’interno delle filiera dell’editoria, ma spesso non vengono dati loro il giusto tributo e la giusta visibilità. I ragazzi e le ragazze partecipanti hanno respirato un’aria intrisa di internazionalità, percependo attraverso il loro sguardo giovane e interessato lo spessore degli incroci culturali in gioco durante gli appuntamenti e i convegni presenti in Fiera. Inoltre la scuola di Conegliano è stata citata dinnanzi al pubblico presente perché era quella che proveniva da più distante.

I dieci studenti della scuola A. Brustolon stanno affrontato l’esperienza con la massima serietà, rivestendo il ruolo di giurati in maniera impeccabile: da settimane hanno già terminato la lettura dei cinque libri e non hanno voluto rivelare ai compagni o alle insegnanti le loro preferenze per evitare di condizionare (o farsi condizionare) prima del voto. Da regolamento ogni giurato del Premio Strega può esprimere un’unica preferenza e il voto deve essere inviato tra il 24 febbraio al 20 aprile. Inoltre chi lo desidera può scrivere una recensione del libro che ha preferito e votato. Tra tutte le recensioni che verranno inviate, gli organizzatori del Premio Strega ne sceglieranno una e l’autore o l’autrice delal recensione riceverà un assegno nominativo da euro 500,00 e sarà invitato a partecipare alla prossima Children’s Book Fair (Bologna, 4 – 7 Maggio 2020). Chissà se quest’anno il premiato o la premiata sarà uno dei dieci accaniti lettori della scuola A. Brustolon! Presto lo scopriremo.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok