Eventi

08 Nov 2019


Asolo: l’arte “riporta la vita” nei giardini del silenzio

L’Academia dei Rinnovati organizza e propone un percorso sentimentale ed estetico tra storia, voci, musica e arte, offrendo ai visitatori di ogni età un'occasione rara per vivere in modo originale e profondo alcuni luoghi più suggestivi della Città dai cento orizzonti, sottratti alla loro normale funzione in nome della bellezza.

Sarà un fine settimana decisamente fuori dagli schemi quello che si potrà vivere ad Asolo, Treviso, da venerdì 8 a domenica 10 novembre perché, per la prima volta, alcuni dei luoghi più belli e appartati della città saranno sottratti alla loro funzione abituale per essere consegnati all’arte: grazie al felice incontro fra l'Academia dei Rinnovati e Annalisa Tonini, Mauro Perosin e Gino Pillon ha infatti preso vita il progetto Nei giardini del silenzio, un percorso sentimentale ed estetico di storia, voci, musica e arti nei luoghi di sepoltura asolani, di oggi e di ieri, spazi per loro particolare natura simili a giardini, decorati con misura, capaci di suscitare forti emozioni in chi li visita.

Proprio questa attenzione estetica e architettonica avvicina i cimiteri asolani agli spazi pubblici di fruizione artistica, tanto da spingere l’Academia dei Rinnovati a proporre questo originale itinerario di valorizzazione delle aree urbane attraverso le arti.

La rassegna si svolge in tre giardini del silenzio particolarmente significativi per Asolo. Primo fra tutti il cimitero monumentale di Sant'Anna, affacciato sul panorama del Monte Grappa, che custodisce la memoria di Eleonora Duse, della scrittrice e viaggiatrice Freya Stark, del pioniere del moderno alpinismo e fondatore della prima Proloco italiana Ohannés Gurekian, del fotografo e pittore inglese Herbert Young Hammerton. Seconda tappa dell’itinerario sarà l'ex cimitero di San Gottardo, attiguo all’omonima chiesa trecentesca, che è stato uno dei primi siti deputati alla sepoltura in territorio asolano. L’ultimo giardino che accoglierà i visitatori è quello di casa Malipiero, dove riposa il celebre compositore con la moglie e gli amati animali domestici, eccezionalmente accessibile per l’occasione.

IL PROGRAMMA

Un programma ricchissimo di appuntamenti che si apre venerdì 8 novembre, alle 18.00 nella Galleria di Palazzo Beltramini con l’inaugurazione di Nuda Veritas: forme dell’ispirazione dai giardini del silenzio, una mostra itinerante a cura di Mauro Perosin, che anima lo spazio urbano con istallazioni di Giovanni Casellato, Marcela Cernadas, Ji Su Kang-Gatto, Gian Luca Eulisse, e l’opera sound design di Abscience, Kosmos-76 e Riccardo Romano per Echoscope Records.
La mattina di sabato 9 novembre invece vedrà protagonista il Convento di Sant’Anna e il suo Cimitero monumentale: dalle 10.00 in poi, la poesia e la musica di Pietre Silenti di Giancarlo Zizola, con Matteo del Negro e Caterina Gallina, introdurrà il percorso sentimentale ed estetico al Giardino del Silenzio di Sant’Anna guidato da Mauro Perosin, con la partecipazione di Francesca Pivato e Pamela Nichele, con performance inedite come il magistrale intreccio tra voce e corpo proposto da Linda Canciani e Clara Tasca, l’esibizione musicale dal vivo di Alaa Arsheed, il lavoro site specific di Marcela Cernadas e l’installazione di Ji Su Kang-Gatto. A chiudere la mattinata, alle 12.00 la passeggiata musicale di Alaa Arsheed, che da via Sant’Anna accompagnerà gli ospiti in via Santa Caterina.
Protagonisti della manifestazione saranno anche alcuni dei luoghi simbolo dello splendido borgo, come il Caffè Centrale, che sabato, dalle 12.30 ospiterà prima l'happening di Marcela Cernadas, poi il caffè letterario con Franco Berton, Alessia Ortenzio e Tommaso Gorla I Giardini del Silenzio: Significati, interpretazioni e suggestioni attraverso la lente dell’antropologo, del filosofo e del poeta.
Il pomeriggio si aprirà alle 15.00 nella chiesa di San Gottardo con la performance sinestetica L’aquilone che affiancherà la scultura di Giovanni Casellato e la musica di Diego Carrer, per continuare alle 15.30 nel meraviglioso giardino di casa Malipiero dove l’artista Ji Su Kang-Gatto proporrà How to cook Yukgaejang, opera video che racconta il rito funebre nella cultura coreana e Isaac De Martin, Valerio Pascucci ed Enrico Scriminich accompagneranno gli ospiti nella reinterpretazione musicale di  Sysyphus, suite strumentale dei Pink Floyd intrecciandola con Vive eterno chi vive nel presente di Fabio Zanin.
La giornata di domenica 10 novembre sarà dedicata ai giovani talenti musicali, che dalle 16.00 coloreranno di note la Sala Consiliare di Palazzo Beltramini grazie all’esibizione del quintetto Musicanova Onlus diretto da Mauro Brunato e degli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado di Fonte a indirizzo musicale, guidati da Matteo Del Negro.

Alcune opere collocate negli spazi simbolici della città, saranno riunite al termine della tre giorni nella mostra Nuda Veritas che resterà aperta fino al 30 novembre nella galleria di Palazzo Beltramini.

La visita sentimentale ed estetica al cimitero monumentale di Sant’Anna sarà riproposta domenica 30 novembre alle ore 15.00.

L’evento è patrocinato dal Comune di Asolo e dalla sezione asolana di Italia Nostra.

Ingresso gratuito






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok