Eventi

19 Giu 2020


Chiese aperte in terra Unesco

Con l’Istituto Beato Toniolo, dentro “Festa Granda”

Domenica 21 giugno pomeriggio, all’interno di “Festa Granda” - la manifestazione promossa nel territorio di Alta Marca per un grande abbraccio alle colline del Prosecco Superiore DOCG di Conegliano Valdobbiadene Patrimonio dell’Umanità – ci sarà anche la proposta dell’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”, che ha sede a Pieve di Soligo.

Alle ore 16 infatti, in quattro sedi diverse, si svolgerà il programma di “Chiese aperte in terra Unesco” a cura degli esperti e degli operatori culturali del “Beato Toniolo”, che faranno apertura dei siti religiosi, accoglienza e presentazione del patrimonio di fede e arte delle chiese di San Vigilio a Col San Martino, di San Lorenzo a Farra di Soligo, della chiesetta di Santa Maria Nova a Soligo e della Pieve di Sant’Andrea di Bigonzo a Vittorio Veneto.

L’Istituto Diocesano ha accolto ben volentieri l’invito dell’Unpli e dei promotori di Festa Granda, e si è subito attivato per mettere in campo una proposta di qualità per i tanti visitatori che faranno tappa sul territorio domenica 21 giugno, all’inizio dell’estate 2020, con una serie di eventi capaci di richiamare un positivo interesse e afflusso di persone, nel segno di una ritrovata fiducia e dell’incoraggiamento dell’intera comunità per il futuro in campo culturale, sociale, turistico ed economico.

Quattro le mete prescelte: San Vigilio, ora dentro al rosa dei luoghi del cuore FAI, dove parlerà Paola Brunello; San Lorenzo, divenuta una sorta di simbolo fotografico del dossier Unesco, dove sarà presente Giuliano Ros; il gioiello di Santa Maria Nova, con gli antichi affreschi e la suggestione artistica che verranno illustrati da Cinzia Tardivel; la Pieve di Sant’Andrea di Bigonzo, un tesoro autentico della diocesi che verrà presentato da Giada Cattelan.

Il servizio dei quattro esperti d’arte – diplomati al biennio superiore realizzato insieme dalle diocesi di Vittorio Veneto e Belluno – Feltre – sarà accompagnato dall’assistenza generosa di un gruppo di operatori culturali del “Beato Toniolo”. Ingresso libero per tutti alle ore 16 di domenica 21 giugno, in osservanza delle norme di sicurezza.  

La partecipazione alla manifestazione di domenica prossima rappresenta di fatto il momento ufficiale di ripresa dell’attività per l’Istituto Beato Toniolo in ambito cultura e turismo religioso per l’anno in corso: il programma dei prossimi mesi prevede già una ricca serie di appuntamenti nell’estate di Pieve di Soligo e poi per il Festival della Dottrina Sociale, il Premio Giuseppe Toniolo e la seconda edizione del Viaggio nel sacro tra Piave e Livenza nell’area opitergina e mottense.  






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok