La testa tra le nuvole ha fondamento scientifico!

A Vittorio Veneto una rassegna per sensibilizzare e ragionare insieme sui cambiamenti climatici.

Chi l’avrebbe mai detto, per una volta avere la testa tra le nuvole ha un fondamento scientifico. A darglielo è la rassegna pubblica a carattere divulgativo "LeNuvole - Comunicare il clima e i suoi mutamenti" al via venerdì 15 marzo prossimo a Vittorio Veneto. Saranno tre gli incontri di approfondimento guidati da relatori qualificati, che si pongono lo scopo di far comprendere e ragionare insieme sui cambiamenti climatici, muovendosi dal piano globale a quello locale, in un percorso autorevole ma alla portata di tutti.

Venerdì 15 marzo alle ore 21:00 presso la Biblioteca Civica di Vittorio Veneto (TV) si terrà l’appuntamento “Tra acqua e cielo - Incroci di sostenibilità in un clima che cambia” con protagonista l’oceanografo e divulgatore scientifico Sandro Carniel. A cornice ideale ci sarà il suo libro “Oceani, il futuro scritto nell’acqua”, che tratta della strategica rilevanza degli oceani nel bilancio energetico globale, dei cambiamenti climatici e delle conseguenze sul sistema mare-atmosfera, strettamente interconnesso ma poco conosciuto.

Il secondo incontro si terrà venerdì 29 marzo, sempre alle ore 21:00, presso il Teatro Da Ponte, con il tema “Attenti al meteo - Gestire l’inevitabile, evitare l’ingestibile” trattato dal tecnico meteorologo e divulgatore ambientale Luca Lombroso. La sua sarà una visione lucida e concreta, in cui guardare oltre i dialoghi ormai abusati su gas serra ed energie rinnovabili, per iniziare ad acquisire la consapevolezza necessaria per passare all'azione: piantare alberi e smettere di deforestare, ma anche per imparare come comportarsi quando il clima manifesta il peggio di sé.

Terzo e ultimo momento di divulgazione sarà quello di venerdì 12 aprile, alle ore 21.00, quando si tornerà alla Biblioteca Civica con l’analisi scientifica multidisciplinare a cura di Maura Camerin, Andrea Costantini e Francesco Poloni su “L’energia che si trasforma: i fenomeni estremi di fine ottobre 2018 in Veneto”. I tre giovani studiosi guideranno il pubblico in un percorso che, partendo dal concetto di energia, evolve in una disamina meteorologica per concludersi in un approfondimento dei fattori storici e selvicolturali alla base dei danni subiti dai boschi montani.

I tre momenti risultano così imperdibili su qualsiasi fronte si vogliano considerare: per l'attualità del cambiamento climatico che rende sempre più urgenti le misure da adottare anche nelle piccole scelte quotidiane; per l'autorevolezza dei relatori, che si mettono a disposizione in un percorso creato con professionalità e cognizione di causa; per la necessità di conoscere il nostro futuro sempre più immediato e non farsi cogliere impreparati.

L’iniziativa è stata organizzata dal tecnico meteorologo Andrea Costantini in collaborazione con il Club Alpino Italiano - Sezione di Vittorio Veneto, l’Assessorato alla Cultura e Assessorato all'Ambiente della Città di Vittorio Veneto e con il contributo e il patrocinio della stessa, nonché grazie al contributo di Savno. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. Per maggiori informazioni: ufficio cultura Vittorio Veneto, 0438 569310






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok