Eventi

09 Nov 2021


Novembre Dantesco. Al via a Oderzo il 10 novembre

Promotore dell’iniziativa la parrocchia San Giovanni Battista di Oderzo, in collaborazione con Caritas opitergina, nel settecentenario della morte di Dante Alighieri.
Cosa c’entra “La danza” di Henry Matisse con la Divina Commedia?
Per scoprirlo, appuntamento alla Sala del Campanile di Oderzo il prossimo 10 novembre alle 20.45 per il primo dei tre incontri del Novembre Dantesco, iniziativa organizzata dalla parrocchia San Giovanni Battista di Oderzo, in collaborazione con Caritas opitergina, nel settecentenario della morte di Dante Alighieri.
Questa prima serata, dal titolo Incontro con Dante, incontro con il Padre, sarà un’introduzione alla lettura della Comedia che metterà in luce la modernità del testo e mostrerà come esso, in particolare il primo canto dell’Inferno, faccia riferimento alla vita concreta di tutti.

Seguirà un secondo appuntamento, mercoledì 24 novembre (ore 20.45, Sala del Campanile), dal titolo Matto è chi spera. Nel corso della serata verranno presi in esame alcuni passi del poema e se ne darà una lettura diversa da quella corrente, una lettura “politicamente scorretta”, di cui verrà data ampia motivazione, anche analizzando qual era la mentalità dell’autore e della sua epoca.

Il relatore delle prime due serate sarà padre Gabriele Cavelli, padre carmelitano scalzo di Treviso e docente di materie letterarie presso l’ISISS - Liceo linguistico statale “Giuseppe Verdi” di Valdobbiadene. L’accesso ai due incontri sarà consentito unicamente ai possessori di certificazione verde; è caldamente raccomandata la prenotazione compilando il modulo al link https://bit.ly/danteoderzo.

Il terzo ed ultimo appuntamento del Novembre Dantesco avrà un tono decisamente diverso: sabato 27 novembre alle 20.45 nel Duomo di Oderzo si terrà la rappresentazione dantesca “Il canto gregoriano nella Comedia. Si tratta di un progetto unico in Italia, che ha ottenuto il riconoscimento dal Comitato “Dante 2021” del Mibact, il quale mostra la simbiosi tra il testo dantesco e il canto gregoriano. Frutto di una ricerca estetica e musicale effettuata da Renzo Toffoli, direttore della Schola Gregoriana “Aurea Luce” di Ponte di Piave e Salgareda, la rappresentazione mostra come l’analisi dei diciotto canti gregoriani citati da Dante, in particolare nel Purgatorio, è basilare per la piena comprensione dell’opera letteraria. L’interpretazione dei canti sarà intervallata dalla recitazione di alcuni passi del poema, rigorosamente a memoria, da parte del professor Mario Ballotta: tra questi il celeberrimo incipit dell’Inferno, i già citati passi a tema gregoriano e l’altrettanto celebre orazione di san Bernardo di Chiaravalle che conclude il viaggio in Paradiso del poeta fiorentino.

Per maggiori informazioni e aggiornamenti è possibile consultare la pagina Facebook dedicata all’iniziativa Novembre Dantesco.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok