SARANNO I BAMBINI A SALVARE IL MONDO?

Incontro pubblico a Conegliano sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell'infanzia

In occasione dei 30 anni della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza le associazioni Armadillo, Diritto&Rovescio e Museo dell'Arte Bambina hanno organizzato un incontro aperto al pubblico per riflettere insieme sulla validità di questo documento e sulla sua attuazione.

Il 20 novembre 1989 i rappresentanti degli Stati di tutto il mondo, riuniti nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, approvarono all’unanimità i 54 articoli della Convenzione Internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il trattato sui diritti umani più condiviso e ratificato di tutti i tempi; ad oggi sono 196 gli Stati che si sono impegnati nel rispetto dei diritti in essa riconosciuti.
È un documento molto importante perché riconosce, per la prima volta espressamente, che anche i bambini, le bambine e gli adolescenti sono titolari di diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici, che devono essere promossi e tutelati da parte di tutti.

L'appuntamento è sabato 23 novembre alle ore 17.30 presso l'Auditorium di Casa Fenzi, in Viale Spellanzon n°62, Conegliano (TV).

Interverranno la prof.ssa Maria Rita Parsi, membro del comitato Onu con il compito di monitorare l’operato degli Stati che hanno sottoscritto la Convenzione, e il presidente di A.So.C. (Associazione Solidarietà e Cooperazione) Aldo Prestipino.

Maria Rita Parsi, psicologa, psicoterapeuta e scrittrice, è stata eletta membro del Comitato ONU per i diritti dei bambini nel dicembre 2012. Influenzata dalle più grandi personalità nel campo psicologico, sociologico e pedagogico, arriva a elaborare e mettere a punto una "metodologia operativa, applicabile in ambito psicologico e socio-pedagogico, denominata psicoanimazione. Nel 1992 dà vita all’associazione ONLUS "Movimento per, con e dei bambini", divenuta poi "Fondazione Fabbrica della Pace Movimento Bambino Onlus", che opera per la diffusione della Cultura dell’Infanzia e dell’Adolescenza e si batte contro gli abusi e i maltrattamenti dei bambini e dei ragazzi, e per la loro tutela giuridica e sociale. Sabato 23 novembre racconterà ai presenti la sua personale esperienza, aiutando a riflettere sull'attuale condizione nella quale vivono molti bambini e adolescenti nel mondo.

Aldo Prestipino, come presidente di A.So.C. (socia di ItaliaNats - Niños y adolescentes trabajadores), si impegna da anni a far conoscere e a sostenere i movimenti di bambini e adolescenti lavoratori che si riuniscono e si organizzano per andare contro ogni forma di sfruttamento economico, ritenendo il lavoro, quando svolto mediante degne e opportune modalità, un mezzo di sviluppo e crescita del soggetto, anche quando si tratta di un bambino. Si impegna in prima persona in incontri informativi e formativi in Italia, convinto che ha poco senso lavorare in aree povere del pianeta senza un impegno qui da noi teso a correggere le ragioni di squilibrio che proprio dal nostro mondo si scaricano nel sud del mondo. Egli presenterà dunque la realtà dei Movimenti dei Bambini e Adolescenti Lavoratori poco conosciuto in Europa, ma instancabile nelle attività di sensibilizzazione, formazione e impegno sociale con e per i loro coetanei in Africa, Asia e America Latina. Un modello pedagogico, sociale e organizzativo peculiare, che ha molto da insegnare anche alle nostre latitudini.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok