75mila visitatori all’Antica Fiera di Godega: «Mai così tanti, c’è voglia di ripartire»

Il sindaco Paola Guzzo e l’assessore all’Antica Fiera Paolo Attemandi tracciano un bilancio più che positivo dell’edizione della rinascita. Nel 2023 l’appuntamento tornerà, come tradizione, nel primo fine settimana di marzo.

Un’edizione da record. L’edizione della rinascita dell’Antica Fiera di Godega, tornata dopo due anni di stop forzato a causa della pandemia e per la prima volta ad aprile, ha chiuso a quota 75mila visitatori. «Mai così tanti – sottolineano il sindaco di Godega di Sant’Urbano Paola Guzzo e l’assessore all’Antica Fiera Paolo Attemandi -. Questa è stata un’edizione molto positiva: il bilancio è più che ottimo».

Lunedì 11 aprile, alle 17.30, è calato il sipario sull’edizione 2022 dell’Antica Fiera di Godega, apertasi sabato mattina con la tradizionale sfilata da piazza Pozzo della Regola al campo fiera con in testa il sindaco Paola Guzzo e il presidente della Regione Veneto Luca Zaia. La manifestazione ha quindi scandito le giornate di domenica e lunedì. Il bel tempo di questi due giorni ha fatto registrare presenze numerose sia nell’area fiera, sia nel parco divertimenti, sia nel mercato che occupava la statale.

«È stata un’edizione della rinascita molto sentita da noi amministratori e dalla cittadinanza, perché l’Antica Fiera di Godega è una tradizione per i godeghesi – sottolinea il sindaco Guzzo -. È stata una ripartenza molto sentita e formidabile: abbiamo avuto un fiume di gente che è voluta venire a condividere questo ritorno alla socialità». «Dopo un sabato scandito, nel pomeriggio, dalla pioggia, il meteo domenica e lunedì è stato fantastico – rileva l’assessore Attemandi -. Le attività di Asinomondo per i bambini sono state eccezionali, testimoniando ancora una volta come la nostra sia una fiera a misura di famiglia. In particolare domenica, una giornata splendida, è stato molto bello vedere i bambini che giocavano e partecipavano alle attività con gli asini, evidenziando come anche per le famiglie ci sia voglia di uscire e di stare all’aperto per un ritorno alla normalità».

Nella tre giorni sono stati stimati 75mila visitatori. Numeri che superano quelli dell’edizione 2019, l’ultima pre-pandemia. «E questo – rileva il sindaco Guzzo – è un ulteriore segnale per noi. Non era infatti scontato un simile risultato. Se da un lato si sapeva che la voglia di socialità avrebbe riportato molta gente, dall’altro c’era l’incognita del meteo che, fortunatamente, ci ha riservato due giornate formidabili, domenica e lunedì, che ci hanno permesso di avere un grande afflusso di persone. Un segnale importante nei confronti della nostra manifestazione e degli sforzi fatti anche per innovarla e stare al passo con i tempi».

Soddisfatti i 150 espositori, così come i visitatori. «Abbiamo ricevuto numerosi complimenti» dice il sindaco. «Gli espositori hanno apprezzato la cura organizzativa e la pulizia – aggiunge l’assessore Attemandi -, e i questionari che abbiamo distribuito hanno evidenziato, una volta compilati e restituiti, esiti positivi».

La scelta di spostare l’evento da marzo ad aprile è stata azzeccata. «Era una cosa mai fatta prima ed ha funzionato – sottolinea l’assessore Attemandi che aveva proposto alla giunta il rinvio di un mese dell’Antica Fiera di Godega per meglio gestire le prescrizioni Covid -. Le giornate più lunghe e la voglia di stare all’aperto hanno richiamato molte persone».

L’arrivederci ora è all’Antica Fiera di Godega 2023. «Sarà senz’altro a marzo, come tradizione la prima domenica» annuncia il sindaco Guzzo. «Non so chi ci sarà ad amministrare il paese il prossimo anno – conclude l’assessore Attemandi con riferimento alle prossime elezioni amministrative -, ma la strada è più aperta di prima: gli uffici sono consapevoli di cosa devono fare e dunque si partirà con una marcia in più. Dopo dieci anni da assessore all’Antica Fiera, con 8 fiere fatte e due saltate causa pandemia, posso dire che il bilancio è stato in crescendo, sia a livello di espositori sia di visitatori. Abbiamo chiuso con un’edizione che ha portato numerose novità, dal Salone del turismo locale sostenibile alla nuova collaborazione nel Salone Terra Nostra con l’istituto alberghiero “Beltrame” di Vittorio Veneto. E poi con espositori importanti, dal Consorzio Agrario ad altre aziende del settore agricolo, che per la prima volta sono stati presenti alla nostra fiera».






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok