News

06 Lug 2020


Colomban riceve la medaglia d’onore voluta dalla Regina Elisabetta

L’imprenditore trevigiano, fondatore della Permasteelisa, è il primo italiano a riceverla.

L'imprenditore Massimo Colomban è la prima personalità italiana ad aver ricevuto l'“Onorary Member in the General Division of the Order of Australia”, il preziosissimo riconoscimento istituito dalla regina Elisabetta II nel 1975 e consegnato a personalità distintesi per merito nel corso degli anni.

Già professore, Comandante Onorario per l’esercito degli Stati Uniti, USAF, consulente e imprenditore di successo, a Massimo Colomban sono state riconosciute in particolare le doti di correttezza ed onestà che lo hanno contraddistinto nel servizio prestato per 9 anni come Console Onorario d’Australia in Veneto. Un riconoscimento che arriva a coronamento di una carriera costellata di successi.

Fondatore e presidente del gruppo Permasteelisa dal 1973 al 2002, primo gruppo mondiale con 40 società nel mondo e 6mila dipendenti, leader negli involucri architettonici di molti fra i più grandi e prestigiosi monumenti, torri e grattacieli mondiali, è stato anche presidente di Sviluppo Italia Veneto - Invitalia.it e di VEGA PARK Venezia. Professore di tecnologie in architettura al Politecnico Leonardo Milano, già nel Board della prestigiosa università di Harvard, è stato chiamato a tenere lezioni nelle più quotate università del mondo, dalla Bocconi al MIT di Boston.

Ha acquistato, restaurato e rilanciato la location da sogno CastelBrando situata a Cison di Valmarino. Oltre ad essere stato, dal 2007 al 2016, primo Console Onorario d’Australia in Veneto, in passato è stato anche Comandante Onorario USAF in Aviano e Civic Leader Air Mobility Command (Comando mondiale dell’USAF centrale) mentre come Angel Investor ha finanziato 10 Start Up. È stato, da ottobre 2016 ad ottobre 2017, assessore alla Riorganizzazione delle Partecipate in Roma Capitale.

La consegna del riconoscimento è avvenuta mercoledì 1 luglio 2020 per mano dell’ambasciatore australiano Greg French.

 

Fonte: comunicato stampa






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok