I lampioni del futuro

Ogni giorno respiriamo l’aria di una spessa nube tossica, che giorno dopo giorno viene alimentata dall’inquinamento prodotto dalle auto che ingorgnao le strade delle nostre città. Dall’India però è arrivata una soluzione: Eco-Mushroom. Il progetto è stato ideato da Thomas Narikulam e consiste in lampioni LED alimentati ad energia solare e dotati di un impianto di purificazione dell’aria dalla CO2.

Quattro prese aspirano l’aria inquinata dalla cima del lampione, la purificano all’interno della struttura e la rilasciano attraverso degli sfiati posti ad altezza uomo. La polvere filtrata dall’aria inquinata viene accumulata in un recipiente all’interno del lampione che sarà svuotato durante le periodiche manutenzioni. Il tutto viene alimentato da celle fotovoltaiche integrate nella “testa” del lampione che, oltre ad alimentare le luci LED, forniscono l’energia necessaria per far funzionare il sistema d’aspirazione e purificazione dell’aria. L’eccesso di energia viene invece accumulato in una batteria per garantire il funzionamento notturno.

Dall’Università della Malesia invece, arriva una soluzione contro le zanzare, che possono essere portatrici di gravi malattie. Il progetto è volto a ridurre la trasmissione della Dengue, una febbre trasmessa con le punture di zanzara. Il progetto si chiama Eco-Greenergy e consiste in lampioni stradali che combinano l’illuminazione LED e trappole per zanzare che emettono CO2 miscelata con biossido di titanio e luce ultravioletta per attirarle. Il tutto viene alimentato in modo totalmente green grazie ad un sistema energetico ibrido solare-eolico.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok