Istituto "Beato Toniolo", successo per l'arte sacra a maggio

Nove chiese aperte per i visitatori tra Vittorio Veneto e Valdobbiadene
Con il favore del bel tempo che ha accompagnato l’afflusso dei visitatori nello scorso fine settimana, l’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi” registra con soddisfazione il successo della manifestazione “Fuori Vino in Villa”: nel pomeriggio di sabato 19 maggio e nella giornata di domenica 20 maggio, l’apertura e l’accoglienza in nove chiese tra Vittorio Veneto e Valdobbiadene  ha consolidato e migliorato l’ottimo risultato della prima edizione 2017, svelando autentici tesori di arte e di fede, facendo incontrare un gran numero di appassionati e intrattenendo  le persone negli spazi di arte sacra con qualificati eventi musicali.
«Siamo contenti per la risposta molto positiva – affermano il direttore scientifico dell’Istituto “Beato Toniolo”, Marco Zabotti, e la presidente del Comitato Turismo Religioso delle diocesi di Vittorio Veneto e Belluno – Feltre, Cristina Falsarella, partner dell’iniziativa  – perché accogliendo volentieri la rinnovata proposta del Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene DOCG e del suo presidente, Innocente Nardi, abbiamo avuto modo di consolidare il nostro progetto di turismo religioso e di rafforzare i legami con il territorio, mettendo a disposizione di residenti e forestieri un patrimonio unico di storia, architettura religiosa e bellezza artistica, valorizzando le capacità dei nostri operatori ed esperti e promuovendo giovani interpreti, associazioni musicali e gruppi corali delle nostre comunità».
Durante il  terzo  week-end  di maggio, dunque, nove chiese in totale – cinque sabato pomeriggio, quattro nella giornata di domenica – di particolare fascino e valore anche a livello paesaggistico, sono rimaste aperte al pubblico grazie all’affiatato gruppo degli operatori culturali volontari del “Beato Toniolo”, con gli esperti e diplomati del biennio superiore appositamente realizzato insieme alla diocesi di Belluno – Feltre a guidare i visitatori alla “degustazione” di specifichi richiami simbolici e religiosi e di preziosi elementi artistici dei vari luoghi sacri. Protagonisti con loro, come detto, anche musicisti e cantori appartenenti a scuole, associazioni e gruppi corali del nostro territorio, impegnati a dar vita a una serie di eventi a orari prestabiliti così da coinvolgere il pubblico in un suggestivo incontro di arte e di armonie nei luoghi sacri.
Sabato 19 pomeriggio, nell’Abbazia di Follina, hanno avuto successo la performance dell’esperta Paola Brunello e gli interventi musicali a cura di Marco Dassie, chitarra, ed Elisabetta Vanzella, flauto traverso; nella chiesa di San Floriano a Valdobbiadene, solo elogi per Tiziana Menegus e l’Associazione Culturale “Amici della Musica di Valdobbiadene”; alla chiesa di Santa Maria dei Broli, a Farra di Soligo, consensi per Giuliano Ros e l’Associazione Musicale “Toti dal Monte” di Pieve di Soligo; all’antica Pieve di San Pietro di Feletto, note di merito per Cinzia Tardivel e  il Centro Studi Claviere di Vittorio Veneto; alla Pieve dei Santi Pietro e Paolo di Castello Roganzuolo, positivi riscontri per Martina Peloso e l’organista Chiara Vinera.
Domenica 20 maggio, nella chiesa di San Silvestro Papa a Costa di Vittorio Veneto, applausi per l’esperta Cinzia Tardivel e le esecuzioni musicali della Scuola di musica Giovani talenti di San Polo di Piave; nella chiesa di Santa Maria Nova a Soligo, note positive per Alba Facchin e l’Associazione Musicale “Toti Dal Monte” di Pieve di Soligo; nella Sala dei Battuti al Duomo di Conegliano, esiti felici per Giada Cattelan e l’Istituto Musicale “A. Benvenuti” di Conegliano; nell’apertura pomeridiana della chiesa di San Vigilio, a Col San Martino, alto gradimento per Paola Brunello e la Schola Gregoriana Aurea Luce diretta dal maestro Renzo Toffoli.
La due giorni di “Fuori Vino in Villa” – nella quale è stata presente e appositamente guidata anche una delegazione di giornalisti stranieri - si inserisce in un periodo particolarmente intenso e ricco di soddisfazioni per tutto il gruppo di volontari ed esperti dell’Istituto “Beato Toniolo”, che sabato 12 maggio hanno completato le uscite del quinto corso di formazione con la bella visita alla chiesa di S. Maria della Salute e al Seminario Patriarcale di Venezia.
Grande successo di pubblico e di critica ha ottenuto infatti la recente apertura straordinaria della chiesa parrocchiale di Cavalier, con visita guidata da parte di Maria Teresa Tolotto: l’evento sarà ripetuto nella serata di sabato 21 luglio nella ricorrenza della festa di San Daniele Profeta. Sempre Tolotto, componente della Commissione Scientifica dell’Istituto, guiderà la visita al Duomo di Oderzo nel pomeriggio di domenica 10 giugno, nell’ambito di O’Festival Oderzo dedicato alle arti. A Conegliano, invece, l’Istituto ha accolto l’invito del presidente dell’Associazione Dama Castellana, Alberto Rui, per cui sabato 9 giugno, dalle 18.30 alle 20, alcuni operatori culturali volontari apriranno le chiese di San Rocco e di San Martino e la Sala dei Battuti nel centro storico, e faranno a accoglienza ai visitatori nelle giornate della Dama Vivente.              





ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok