La carica dei 520 alla “4x4 se-dici solidarietà io ci sono”

Superato il record di presenze e squadre (ben 114, 20 in più rispetto alla passata edizione). Il ricavato a Casa Mater Dei, che acquisterà una nuova lavatrice e delle biciclette per le mamme ospitate, e alla Porta onlus, che destinerà la somma all’acquisto di una nuova porta per la casa famiglia “Piccola Resi”.

Solidarietà da record per la terza edizione della staffetta di beneficenza “4x4 se-dici solidarietà io ci sono” organizzata da Scuola di Maratona Vittorio Veneto. L’appuntamento, domenica 7 ottobre, ha animato il centro di Vittorio Veneto, dalle 8.30 alle 12.30. Ben 520 gli iscritti (superati così i 500 della passata edizione) suddivisi in 114 squadre di staffettisti (20 in più rispetto all’edizione 2017), tutti uniti dallo stesso scopo benefico: “macinare” chilometri a favore di due realtà vittoriesi, Casa Mater Dei e La Porta onlus.

«Per noi questa terza edizione è un grande successo: l’obiettivo era raggiungere le 100 squadre e lo abbiamo ben superato» sottolinea Ivan Cao, presidente di Scuola di Maratona Vittorio Veneto. «Il mondo del podismo – aggiunge Alessandro Nardo di Scuola di Maratona Vittorio Veneto – ha risposto molto bene, come pure diverse aziende del territorio che hanno sostenuto le squadre. Anche Casa Mater Dei e La Porta onlus hanno aderito con molte squadre, sentendosi parte organizzativa di questo evento».

Tra i 520 iscritti anche alcuni campioni della corsa, come Fabio Bernardi, Matteo Redolfi e Lorenzo De Conto. Tra le squadre, dai nomi più disparati, una che ha reso memoria alla fine della Grande Guerra: la “Vittorio Veneto Centenario” con il sindaco di Vittorio Veneto Roberto Tonon, l’assessore allo sport Giuseppe Costa e l’assessore al Centenario Barbara De Nardi. Tra i partecipanti anche i consiglieri comunali di Vittorio Veneto Marco Dus, Gianluca Posocco e Paolo Santantonio. E poi alle 10 alla staffetta si sono uniti anche 40 ragazzi, dai 7 ai 12 anni, della società sportiva Vittorio Atletica che hanno pure corso l’evento di beneficenza. Ben sei, inoltre, le squadre delle “Mamme di corsa” di Vittorio Veneto, 11 invece quelle di Casa Mater Dei. Il tracciato si è snodato per il viale della Vittoria, via San Gottardo, area Fenderl, via Gei e rientro in viale della Vittoria. A “vigilare” sulla buona riuscita della manifestazione una quarantina di volontari-tutto-fare di Scuola di Maratona Vittorio Veneto.

«I progetti che andremo a sostenere con il ricavato di questa edizione sono già stati definiti – prosegue Nardo –. Casa Mater Dei acquisterà delle biciclette per le mamme e una lavatrice, mentre la casa famiglia “Piccola Resi” de La Porta onlus, sempre a Vittorio Veneto, necessita di nuovi serramenti. Il contributo della staffetta servirà precisamente per acquistare una porta, che sarà chiamata “Porta Scuola di Maratona Vittorio Veneto”».

Casa Mater Dei nella sua casa di via Colombo a Vittorio Veneto accoglie attualmente quattro mamme e i loro cinque figli (ma può arrivare anche a sette mamme e dieci bambini). «Questo evento è un momento di gioia per noi – sottolinea suor Carmelita che dirige la casa –, e un grazie di cuore va a tutti coloro che hanno risposto al messaggio di solidarietà».

La staffetta si è chiusa alle 12.30 con il pasta party offerto da Raviolo d’Oro di Vittorio Veneto.

In foto la partenza della staffetta






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok