La Strada dei 100 giorni diventa libro e mostra per tutti

Grande successo per la presentazione del volume a Cison di Valmarino. Aperta fino al 31 dicembre la mostra in centro a Tovena.

Un grande evento popolare, fatto di incontri, memoria, emozioni, con una partecipazione straordinaria di persone arrivate da ogni dove per conoscere un volume inedito, atteso, di grande interesse per storia, la cultura e la socialità del territorio, proprio nell’anno del Centenario della fine della Grande Guerra.                  

La presentazione del volume “La Strada dei 100 giorni” (Antiga Edizioni), svoltasi nella serata di venerdì 22 giugno nel Teatro la Loggia di Cison di Valmarino, ha salutato la bellissima storia europea che ha portato il professionista boemo Jan Kaiser, pronipote di Frantisek Krusina, direttore dei lavori della strada di San Boldo – costruita appunto in 100 giorni, cent’anni fa, da febbraio al 31 maggio 1918 – a donare al curatore del libro, Gianpaolo Tomio, di Trichiana, tutto il materiale fotografico e la documentazione relativi alla costruzione del famoso percorso di collegamento tra Tovena e Trichiana. Un incontro imprevisto, ma non casuale, nella piazza principale di questo comune bellunese, alcuni anni fa, ha costruito e consolidato negli anni un rapporto di amicizia e confidenza fra Tomio e Kaiser, che aveva rinvenuto nella casa del bisnonno militare austro-ungarico proprio un contenitore con il materiale inedito, intatto, interessantissimo per comprendere l’origine, le qualità progettuali, l’operatività concreta e il concorso delle maestranze in armi e civili alla realizzazione della strada ardita verso il passo di San Boldo.                                                                                         

Una serata intensa e preziosa a Cison, coordinata dal direttore scientifico dell’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”, Marco Zabotti, animata dalle spiegazioni in parole e immagini dei curatori del libro, Gianpaolo Tomio e Alessia Cerentin, e accompagnata dalle esecuzioni molto applaudite del Coro ANA di Vittorio Veneto diretto dal maestro Carlo Berlese. La sala stracolma, con tanta gente anche all’esterno, ha seguito con vivissima attenzione tutte le fasi della presentazione del libro, realizzato grazie al concorso di enti – Regione Veneto, Province Treviso e Belluno, vari comuni –, associazioni e sponsor che hanno contribuito generosamente ad un efficace e positivo gioco di squadra.                                                                          

Lo hanno testimoniato nei loro discorsi di saluto e ringraziamento che si sono susseguiti all’inizio e alla fine della serata il sindaco di Cison di Valmarino, Cristina Pin, il vice sindaco e assessore alla cultura, Loris Perenzin, il presidente della sezione Alpini di Vittorio Veneto, Francesco Introvigne, il presidente degli Alpini di Tovena, Mario Magagnin, e il presidente della Pro Loco di Tovena, Lino Gazzarin.                    

Molto applauditi gli interventi dei rappresentanti della Banca di Credito Cooperativo Prealpi di Tarzo, Gianpaolo De Luca e Lino Gallon, e del titolare di Biemmereti spa – Sogno Veneto, Raffaele Mazzucco, che con il loro concreto sostegno hanno garantito la pubblicazione del volume “La strada dei 100 giorni”, uscito in versione bilingue (italiano-tedesco) in elegante veste editoriale grazie al progetto grafico e alla speciale cura del cisonese Piero De Luca. Presente in sala, emozionatissimo, Jan Kaiser è salito alla fine sul palco per ricevere l’omaggio e la riconoscenza di tutti, e anche vari doni che hanno suggellato la bella storia europea di amicizia e di pace a cent’anni dai lutti, dalle sofferenze indicibili e dal dolore infinito patito dai popoli in armi del primo conflitto mondiale, in un abbraccio corale che in quel momento ha di fatto annullato i quasi mille chilometri di distanza fra il suo paese di residenza e il teatro di Cison.  Da sottolineare anche la partecipazione in divisa del tempo di Matteo e Gianfranco, rappresentanti dell’associazione di rievocatori “Sentinelle del Lagazuoi”.                                                                                                                                                   

Alla fine strette di mano, applausi, autografi e lunghe code per l’acquisto del volume, con piena soddisfazione di tutti gli organizzatori, a cominciare dagli Alpini di Tovena che hanno visto la loro iniziativa inserita a pieno titolo nella tre giorni di appuntamenti coronata dall’adunata sezionale Ana Vittoriese proprio a San Boldo, domenica 24 giugno. Il festoso momento conviviale presso le ex Cantine Brandolini, curato dalla Pro Loco di Cison, presieduta da Giorgio Floriani, grazie anche allo sponsor Perlage winery, ha concluso in simpatia e con le immancabili foto ricordo una serata davvero unica, che rimarrà sicuramente negli annali della comunità.                 

Ma non è tutto: nel pomeriggio di sabato 23 giugno, nelle ex scuole elementari in centro a paese a Tovena, è stata inaugurata la mostra su “La Strada dei 100 giorni”, che propone immagini e testi salienti del volume in un allestimento di qualità studiato per la visione e l’interesse di un vasto pubblico. Alla cerimonia del taglio del nastro, soddisfazione e consensi per l’iniziativa e per gli interventi di Pin, Perenzin, Magagnin, Introvigne, Gazzarin, Tomio, Jan Kaiser e Zabotti.

La mostra rimarrà aperta tutti i giorni festivi fino al 31 dicembre 2018, con orario 10 – 12 e 14-18.  Per la prenotazione di visite di scolaresche e gruppi rivolgersi alla Pro Loco di Tovena: tel. 329.3436215.     






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok