L’arte al servizio dell’ambiente: laboratori creativi al museo

Un nuovo progetto intersettoriale che mette in comunicazione arte, musei e ambiente.

È stata presentata ieri mattina a Cà Sugana la nuova iniziativa del Comune di Treviso, sostenuta da Banca Prealpi SanBiagio, che coinvolge la famosa designer milanese Gala Rotelli e i Musei civici di Treviso per le attività estive.

Gala Rotelli, artista che ha già firmato collezioni di ceramiche, vetri, oggetti in marmo e i gioielli ispirate dalla natura e dal mondo “green”, partirà proprio dalla sostenibilità per insegnare ai ragazzi a riconoscere la natura e a trasformarla in un progetto creativo.
 
Dal Sile ai boschi urbani, dai Musei Civici alle nuove sensibilità: i bambini dai 5 agli 11 anni potranno creare e sperimentare insieme a Gala Rotelli partendo proprio dalla Città, vista come una mappa o un reticolato di geometrie in cui persistono elementi della natura. Sarà il Sile, che con il suo alveo attraversa ben 11 comuni della Marca Trevigiana, il protagonista dei laboratori gratuiti “Fiume Di Segni”: le attività con Gala Rotelli si svolgeranno sabato 25 settembre (dalle 9 alle 12 o dalle 14 alle 17) e domenica 26 settembre (dalle 9 alle 12 o dalle 14 alle 17) al Museo Bailo per un totale di quattro workshop che potranno ospitare 20 bambini ciascuno.
 
«Crediamo molto in questo progetto condiviso che intende trasmettere ai ragazzi messaggi importanti stimolando la creatività», le parole dell’assessore alle Politiche Culturali Lavinia Colonna Preti. «Gala Rotelli è un’artista molto nota, le cui opere sono molto apprezzate a livello internazionale. Il suo talento sarà prezioso per dare alle nuove generazioni tutti gli strumenti per creare e imparare a rispettare l’ambiente, partendo proprio dal verde e da tutti quegli elementi che caratterizzano Treviso e il suo territorio».
 
«L’arte può essere un mezzo coinvolgente per addentrarsi nei temi della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente» afferma l’assessore alle Politiche Ambientali del Comune di Treviso, Alessandro Manera. «I ragazzi sono già particolarmente sensibili a questi temi ma l’arte e il design possono essere un modo ulteriore per aumentare la consapevolezza e l’attenzione verso la sostenibilità, dal riciclo alla mobilità sostenibile, dagli alberi alle acque».
 
«Creatività e sostenibilità sono due temi fondamentali» afferma l’artista Gala Rotelli. «Grazie a questo bel progetto del Comune di Treviso che ho abbracciato con grande entusiasmo, si vogliono avvicinare i bambini alla cultura e all’ambiente partendo semplicemente da grandi fogli di carta riciclata che verranno uniti tra loro fino a formare un percorso simile ad un fiume. Poi su ciascun foglio verranno disegnati con colori a tempera, pastelli e matite le sfumature della natura e ciascun bambino verrà invitato a scrivere cosa rappresenta la natura nel territorio cittadino di Treviso. La creatività può essere un veicolo eccezionale per imparare a rispettare l’ambiente e ad amare l’arte. I bambini verranno invitati a scrivere anche tutte le parole che associano all’idea di natura, creando così un flusso di disegni e scritte dedicati all’ambiente privilegiando così l’espressione creativa, secondo il metodo di Bruno Munari: imparare creando».
 
«Siamo lieti di affiancare il nostro nome al Comune di Treviso per lo sviluppo di queste iniziative a carattere culturale. Dopo l’enorme successo di "Giallo al Museo", siamo a sostenere un’altra iniziativa di altissimo livello qualitativo che avvicina i più giovani all’arte, alla cultura e all’ambiente, lavorando sullo sviluppo della valorizzazione creativa» commenta Carlo Antiga, Presidente di Banca Prealpi SanBiagio. «Il futuro del nostro territorio sarà sulle spalle delle giovani generazioni e tutti i progetti che guardano al futuro e contribuiscono a rafforzare una coscienza di comunità, mettendo al centro la cultura ed integrandola coi principi della sostenibilità ambientale, sono fondamentali. L’impronta sociale che guida il nostro Istituto di credito cooperativo rappresenta un impegno inderogabile di vicinanza e ascolto del territorio, in primis della città di Treviso, in cui l’educazione dei giovani ha un ruolo centrale».
 
È possibile iscriversi al laboratorio chiamando il 347-3714952 o via mail (gala@galarotelli.com).

E al Museo di Santa Caterina intanto proseguono con successo i Camp estivi con due percorsi dedicati ai bambini a cura di CoopCulture: “Dame Cavalieri e Draghi Occhialuti!”, in programma dal 30 agosto al 3 settembre, darà la possibilità di creare il proprio castello mentre la Pinacoteca e la Chiesa di Santa Caterina diventeranno teatro di una pièce con personaggi fantastici; “Ti racconto la mia storia”, in programma dal 6 settembre al 10 settembre, permetterà invece di realizzare un diario “incorniciato” con immagini, foto e collage (informazioni e prenotazioni al numero 0422-658964).






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok