News

07 Ago 2019


L’Istituto Beato Toniolo plaude al grande successo a Matera del violinista vittoriese Emanuele Bastanzetti

La sinergia con Home Cucine per la Foresteria Santa Maria di Follina e la Cultura

Era stata annunciata come la presenza di una giovane e validissima eccellenza culturale a Matera capitale europea della cultura 2019, proveniente dal nuovo territorio Unesco delle colline Conegliano Valdobbiadene. E il successo del violino solista vittoriese Emanuele Bastanzetti- impegnato lunedì sera 5 agosto nel “Concerto per Matera” insieme ai professori del San Carlo di Napoli, direttore d’orchestra Pasquale Menchise – è arrivato pieno, coinvolgente, affascinante, salutato alla fine dalla “standing ovation” di tutto il pubblico che gremiva la chiesa di San Francesco d’Assisi.   

Una grande soddisfazione, una vetrina internazionale ai massimi livelli per il giovane violinista Bastanzetti, il premio meritato per una ricerca continua della bellezza nel segno dell’arte e della musica, avvenuto peraltro con un riferimento ben preciso ad un tesoro storico e artistico di straordinario valore e alle comunità dell’Alta Marca Trevigiana, oggi Patrimonio dell’Umanità: l’Abbazia di Follina, simbolo religioso tra i più alti, noti  e ammirati nella nuova area Unesco, con la sua Casa di accoglienza e spiritualità “Foresteria Santa Maria”, gestita dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

«Ci complimentiamo con Emanuele Bastanzetti e con tutti i protagonisti e organizzatori del concerto. E siamo grati all’azienda Home Cucine di Cison di Valmarino, con il  titolare e amministratore unico Agostino Mirsayeve la consorte Daniela Bortolini – affermano i responsabili del “Beato Toniolo” – perché hanno contribuito concretamente all’opera di restauro e recupero ai fini del turismo religioso degli spazi interni della struttura follinese, diventati oggi nove stanze e venti posti letto per pellegrini e visitatori». Proprio a Matera, fino al 12 agosto, negli Ipogei di piazza San Francesco, saranno esposti al pubblico una serie di pannelli fotografici che raccontano la bellezza della basilica follinese custodita dai Servi di Maria. Va ricordato che il progetto legato al recupero funzionale degli spazi della chiesa di Follina ha consentito ad Home Cucine di essere scelta fra le quattro aziende venete, fra le cinquanta italiane, che hanno superato il bando promosso a livello nazionale  da Confindustria e Fondazione Matera Basilicata 2019 quali eccellenze innovative di tutta Italia di tutti i settori.                                                                                            Da qui la possibilità offerta ad Home Cucine di allestire uno stand aziendale in questa settimana d’agosto negli spazi prestigiosi degli Ipogei in centro a Matera, presentando insieme anche le eccellenze culturali del territorio di provenienza, nelle quali è inserita da tempo la collaborazione con il musicista Emanuele Bastanzetti, talento assoluto del violino.

«La Foresteria Santa Maria di Follina – spiegano dall’azienda cisonese – è affidata alla gestione dell’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”, che ha sede a Pieve di Soligo, nel cui Duomo è sepolto il grande sociologo ed economista cattolico Giuseppe Toniolo, proclamato Beato dalla Chiesa nel 2012.  Nella sua essenza, il progetto è fedele all’opera di questo grande maestro dell’etica e amico dell’impresa, a cui ci ispiriamo per affinità di pensiero». L’immagine del Toniolo e i temi di attività dell’Istituto Diocesano con sede a Pieve, infatti, apparivano in tutta la campagna di comunicazione nazionale in vista del concerto del 5 agosto a Matera, sponsor unico Home Cucine, e nella città lucana viene fatto conoscere e distribuito in questi giorni dagli stessi titolari dell’azienda il volume “Giuseppe Toniolo. Nella storia il futuro”, opera del direttore scientifico del “Beato Toniolo” Marco Zabotti, a significare la volontà di divulgare la storia e l’attualità del pensiero e dell’azione dell’insigne professore trevigiano, eccellenza storica del territorio, profondamente legato alle vicende ecclesiali e sociali dell’Alta Marca. «Ci piace sottolineare la visione ispirata e l’impegno alla collaborazione culturale con il nostro Istituto di Home Cucine – concludono i responsabili del “Beato Toniolo“ – avviata lo scorso anno in particolare con la presentazione del volume su Caporetto di suor Bassani a Lago e Vittorio Veneto, e proseguita sul piano musicale con la partecipazione molto apprezzata di Emanuele Bastanzetti agli eventi musicali in Abbazia di Follina lo scorso 9 giugno, nell’ambito della terza edizione de “Le vie del sacro in arte e musica”. E altre belle novità potrebbero aggiungersi nelle prossime settimane». 






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok