Mons. Eugenio, amico dei bambini

La Nostra Famiglia ricorda Mons. Ravignani, già vescovo di Vittorio Veneto

È un sentimento di riconoscenza e gratitudine quello che esprime l’Associazione La Nostra Famiglia appena appresa la notizia della scomparsa di Mons. Eugenio Ravignani. Infatti nei 13 anni in cui è stato Vescovo di Vittorio Veneto ha stabilito relazioni profonde con i bambini, ragazzi, operatori e Piccole Apostole della carità delle sedi di Conegliano, Pieve di Soligo, Mareno di Piave e Oderzo. Tutti lo ricordano come un amico, sempre presente nei momenti importanti che hanno caratterizzato la vita de La Nostra Famiglia in diocesi, ha anche presieduto uno dei pellegrinaggi a Lourdes di tutta l’Associazione. Attento alle famiglie, discreto ma capace di comprenderne le fatiche, sapeva camminare vicino per testimoniare la forza del Vangelo e in particolare la solidarietà umana.

Quando entrava nei Centri dell’Associazione aveva per tutti una carezza e una parola di incoraggiamento, capace di essere un amico affettuoso con gli ospiti ed illuminante per le famiglie, molte delle quali si rivolgevano a lui perché si sentivano ascoltate e le cui parole di conforto non erano mai banali e scontate.

Significativa è la storia di una amicizia profonda con Danielina, ospite per tanti anni della sede di Costa. Era nata una intesa impossibile da descrivere, ma certamente una alleanza che profumava di buono perchè lei lo aspettava con ansia per una parola dolce o semplicemente una carezza.

Lo ricorda Gigliola Casati, direttrice generale regionale de La Nostra Famiglia che con Mons. Eugenio ha condiviso tante iniziative: “La sua vicinanza all’Associazione è stata particolarmente preziosa, perché ci ha fatto sempre sentire parte della chiesa di S. Tiziano, accolti e ascoltati. Nelle nostre strutture si ospitano bambini e famiglie con vissuti di fatica, non solo fisica, ma anche morale e spirituale. La sua preparazione e il suo essere chiesa vicina a chi è nel bisogno ha fatto di Lui un alleato prezioso per risolvere parecchie situazioni complesse”.

Anche se da molto tempo ormai non veniva più a Conegliano vi è il ricordo e la convinzione di aver incontrato una persona speciale e la certezza che ogni bambino, operatore o famiglia incontrata porti con sé una parola, una carezza, uno sguardo di Mons. Ravignani.

---

Il Signore ha chiamato a sé Sua Eccellenza Mons. Eugenio Ravignani, vescovo emerito della Diocesi di Trieste e già vescovo della diocesi di Vittorio Veneto, nella notte tra il 7 e l’8 maggio, dopo un periodo di sofferta malattia, affrontata con sereno e fiducioso abbandono alla volontà del Padre celeste.

La diocesi di Vittorio Veneto lo ricorda come « amato e venerato testimone del Signore, sempre circondato dalla stima e dall’affetto di tutti per la sua grande carità, il suo amabile sorriso, la sua pazienza e delicatezza nei rapporti. Per mons. Ravignani si sono ora compiute le parole di san Pietro che avevano guidato il suo episcopato: Donec dies elucescat - "Fino a quando non spunti luminoso il giorno" (2 Pt 1,19). Affidiamo al Signore della vita questo suo servo fedele e assicuriamo alla sua anima benedetta la nostra preghiera di suffragio». 

Le esequie di mons. Ravignani si terranno il 21 maggio alle ore 11 presso la Cattedrale di San Giusto dove seguirà la sepoltura all'interno del sepolcro dei vescovi triestini. Il rito sarà trasmesso da Telequattro e Radio Nuova Trieste e con ogni probabilità (sono in corso verifiche tecniche) anche da Radio Palazzo Carli.

È inoltre programmata un’altra veglia di preghiera - dopo la prima che si è tenuta sabato scorso nella Cattedrale di San Giusto a porte  chiuse e senza la partecipazione del popolo - mercoledì 20 maggio alle ore 20 nella Chiesa di San Vincenzo de’ Paoli, parrocchia di S. E. Mons. Ravignani, che sarà trasmessa in streaming.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok