Presentata l'Associazione Corte delle Rose

I commercianti insieme per il rilancio - non solo commerciale - di Conegliano

Sabato 25 marzo a tutta la cittadinanza è stata presentata l’Associazione Corte delle Rose, ente apolitico impegnato già dall’estate scorsa a rilanciare l’area attraverso eventi socio-culturali. Il gruppo si compone dei seguenti commercianti: Patrizia Loberto del negozio di abbigliamento Stefanel (presidente), Fabio Magro del negozio La casa sull’albero (vicepresidente), Daniela Breda dell’omonima gioielleria (tesoriere), Ines Michelon del negozio Nota bene (segretario), Marika Brusco di Blu vacanze (consigliere responsabile web&social marketing), Riccardo Huster della libreria Tralerighe (consigliere delegato ai rapporti con la stampa) e Carlo Dal Vera dell’omonimo studio (consigliere delegato ai rapporti con il condominio).

Come ha fatto notare il vicepresidente Fabio Magro, Corte delle Rose, grazie all’impegno, alla cooperazione e alla vitalità dei suoi commercianti, è (già) rinata. Per amore di quest’area, «abbiamo deciso di superare ogni individualismo per costituire invece un’unità» afferma Magro, e aggiunge: «C’è da dire che il nostro presidente è un vulcano di iniziative e vera e propria maestra nel tessere relazioni e mantenere una certa unità. Possiamo dire di essere più una comunità che una squadra: la nostra è una storia di relazioni e per questo ci differenziamo dai centri commerciali, tenuti insieme soltanto da vincoli contrattuali. La nostra è un’associazione nata dai fatti e abbiamo già fatto molto. Di certo siamo aperti al dialogo con le altre associazioni per creare delle sinergie e per il rilancio della Corte a Conegliano, che attualmente si compone di 30 negozi, 30 uffici, 40 appartamenti. Rimangono solo 4 locali sfitti e tutti in fase di trattativa. Pertanto si può dire che si tratta di uno spazio commerciale a misura di persona e per questo costituiamo una categoria a sé».

Tutte le iniziative organizzate d’ora in avanti dall’associazione presenteranno un logo raffigurante la galleria stessa, simbolo dell’«accoglienza e dell’aggregazione» dove il tetto della Corte appare «leggero come una piuma, con un’anima di ferro, sotto al quale la vita è festosa, operosa e protetta. Il logo indirizza lo sguardo verso destra, diretto al futuro e invita l’osservazione al movimento. La scelta di inserire il logo all’interno di una figura chiusa è quella di rimarcare il concetto di corte, di luogo protetto».

Tra le iniziative in programma, dopo “Corte fiorita” che si è svolta lo scorso weekend, sabato 1 aprile arriveranno a Corte i burattini Aldrighi di Valerio Sacca, sabato 8 e domenica 9 aprile ci sarà un’esposizione di opere pittoriche, domenica 7 maggio il Mercatino delle cose perdute assieme al Campionato italiano del caffè (a cura di Dersut caffè), sabato 13 maggio si esibirà la Filarmonica di Conegliano, mentre sabato 20 maggio si svolgerà una giornata dedicata ai giochi da tavolo; e ancora, sabato 27 maggio la Corte ospiterà l’attesa iniziativa “La Corte cena in rosa”, in occasione del passaggio del Giro d’Italia, e domenica 28 maggio sarà la volta di “Giochi in Cima: dai tempo al gioco”.

Per ulteriori info e aggiornamenti sulle iniziative:





ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok