News

06 Apr 2016


«Prima i veneziani!», una buona notizia per i pendolari in laguna

Da giugno, alle fermate dei vaporetti parte la sperimentazione di una corsia preferenziale per cittadini e pendolari

La vita tra orde di turisti si è fatta sempre più difficile sul delicato suolo veneziano: c'è chi dice che (tanti) sono una risorsa, chi dice che (troppi) sono un danno. Ma, al di là di ciò, è innegabile che gli spostamenti quotidiani nel centro della città lagunare, famosa per l'assenza di traffico automobilistico, siano davvero ostici nelle giornate di maggiore afflusso: dopo gli spintoni, i sorpassi e gli improperi lungo le calli principali, ecco la lunga disordinata coda alle stazioni del vaporetto, preludio all'inscatolamento a bordo del battello.

C'è da dire che – se il turista è pur sempre una risorsa e deve avere tutelati degli importanti diritti – non può però essere calpestato chi nella città vive e lavora. Per questo, la creazione, per ora in via sperimentale, di una corsia preferenziale per cittadini e pendolari non è valutabile come atto discriminatorio, bensì come un diritto che vada a interessare la fascia che negli anni, paradossalmente, è stata meno tutelata. Ci avevano provato anche altri sindaci, prima Cacciari e poi Orsoni, ma ora Brugnaro sembra deciso e ha chiesto a Avm, che gestisce i trasporti sui canali della città, di cimentarsi: si partirà con le fermate di Piazzale Roma, Ferrovia, Rialto, San Marco, Murano e Lido.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok