Si è spento a 102 anni l’organista Piero Coletti

Una passione messa al servizio della comunità

Si sono celebrati oggi pomeriggio nella chiesa parrocchiale di San Vendemiano i funerali di Pietro Coletti, noto organista, morto alla veneranda età di 102 anni.

Coletti viveva a San Vendemiano ed è stato l’organista più longevo della diocesi di Vittorio Veneto.

Due anni fa, in occasione del suo centesimo compleanno, tutta la comunità si era stretta intorno a lui per festeggiarlo calorosamente; il Maestro ricevette da papa Francesco il titolo di Commendatore dell’Ordine di San Gregorio Magno. Nel 2003 fu insignito della Croce pro Ecclesia et Pontifice, sempre conferitagli direttamente dalla Santa Sede.

La vita di Piero Coletti fu costantemente alimentata da una grande passione, messa al servizio della Comunità: la musica. A suo padre, Antonio, è intitolata la Scuola di Musica A. Coletti di San Vendemiano, dove molti ragazzi studiano coltivando quella stessa passione. Piero Coletti ha fatto parte del coro parrocchiale fino alla soglia dei 100 anni, traguardo che ha raggiunto senza bisogno di occhiali per leggere lo spartito e… munito di patente di guida (orgoglioso di poter «vegner mi co la me machineta, senza che vegneghe a ciorme, par sonar ai funerai» - parole riportate da Il Coro della Speranza in occasione del 98° compleanno del Maestro, quando egli ottenne il rinnovo della patente per altri due anni).

Una vita longeva, intensa, umile, appassionata, servizievole, che ha dato certamente i suoi frutti.

 

 






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok