VERONA IN LOVE!

Dal cuore dell'artista Piera Legnaghi un'opera dedicata alla città e a tutti gli innamorati!

pum pum ♥ pum pum ♥ pum pum ♥

È un cuore capiente, ricco di amore da spandere

e di speranza da elargire.

Ogni suo battito è un'emozione, la nostra.

Love Me!

pum pum ♥ pum pum ♥ pum pum ♥

 

“Verona in Love” ogni anno celebra l’amore con decine di eventi che, a febbraio, animano la città scaligera in occasione di San Valentino.

Sarà l’arte, quest’anno, a coronare la manifestazione grazie a un progetto di Manon Comerio - LOVE ME! - dedicato al simbolo per eccellenza dell’amore: IL CUORE.

L’artista scelta per donare emozioni d’amore con la sua arte è Piera Legnaghi, scultrice veronese nota in ambito nazionale, che, per l’occasione, ha realizzato una grande scultura fatta a cuore, “Love Me!”, che stasera inaugurerà “Verona in Love” e resterà in Cortile Mercato Vecchio per tutta la durata della manifestazione (fino al 14 febbraio).

«L’opera racconta di una temporalità eterna, di un cosmo centripeto, e pulsa grazie alla partecipazione, anche fisica, dello spettatore che può muoversi nella scultura. – spiega la curatrice d’arte Maria Teresa Ferrari –. Toccandola, abbracciandola con lo sguardo, vivendola, non si è più spettatori ma si diventa artefici dell’opera e così i suoi battiti diventano i nostri. È un cuore in divenire che raccoglie le emozioni di chi l'“abiterà”, anche solo per pochi attimi. (…) Non sfida lo spazio, la scultura di Piera, ma lo accarezza e gioca col movimento e col tempo, perché vibra sulla memoria stratificata della storia del luogo che la circonda, relazionandosi con ognuno di noi».

Come tutti i lavori di Piera Legnaghi, “Love me!” esalta un’idea, un’emozione, che ritroviamo anche in piccole dimensioni - come nei gioielli che riprendono la forma del cuore - o in accattivanti sperimentazioni - come il primo “Cappello d’artista”, che inaugurerà la collezione “LOVE” dei “Cappelli ad Arte” di Maria Teresa Ferrari, disegnati da Giampaolo Malesani.

«In quella culla degli affetti, dei sentimenti e delle emozioni, parte più intima dell’animo, proprio lì, dentro quel cuore da vivere, vi è la nostra memoria. – scrive la Ferrari a commento dell’opera –. Il ricordo richiama qualcosa che non è più qui o non è più adesso, ma che, tornando nel cuore, rivive offrendoci un dono immenso, quello di consultare il passato, di interrogarlo, per capire e comprendere le ombre nei suoi sconfinati orizzonti di senso»; e continua: «Il cuore di Piera chiede di più. Ci invita a sottrarci agli avvenimenti di ogni giorno e ad aprirci agli altri nella dedizione e nella solidarietà, per essere capaci di cura e di responsabilità, nel presente e nel futuro. E poi l’amore si arricchisce di significati e di innumerevoli riflessi, si veste di gioia, di emozione luminosa quando incontra, durante il cammino della vita, l’Infinito che sorregge, amplifica e compenetra l'amore terreno. “Dov’è il tuo tesoro, lì è il tuo cuore” (Matteo 6, 21). Il nostro cuore è fatto per l’infinito e per l’evangelista solo il divino può davvero colmarlo».

Insomma «Quante cose può essere un cuore? Tutte le cose che vogliamo che sia». Per scoprirle basta seguire il consiglio di Etty Hillesum: “Vivere così completamente, con ogni battito del cuore, in questo adesso ricco e privato”.

Se la scultura di Piera Legnaghi è il “cuore” della manifestazione, attorno ad essa ruotano molte altre proposte, altrettanto suggestive.

Nell’immaginario collettivo l’amore a Verona ha una dimora, la Casa di Giulietta, e proprio lì, sabato 11 febbraio alle ore 12.00, sarà inaugurata l’istallazione in ceramica di Adriana Albertini, “Eros e Thanatos”.

Il progetto di Manon Comerio si arricchisce anche di parole d’amore con le scrittrici Maria Teresa Ferrari e Valeria Benatti nell’incontro “Amarsi e amare di gusto per essere felici. Le mille facce dell’amore fra autostima, rispetto, cura di sé, passioni e pericolosi inganni” in programma sabato 11 febbraio alle ore 17.00.

“Love me” - manifestazione promossa da Manon Comerio Art Projects in collaborazione con il Comune di Verona e la Provincia di Verona Turismo e con il sostegno di Amia, Agsm, Cementile e Pinko - a partire da questa sera, avrà luogo tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 19.00 in Corte Mercato Vecchio a Verona, fino al 14 febbraio (in chiusura brindisi griffati, rigorosamente “Wine Love”).

Programma completo: PROGRAMMA LOVE ME!.doc

Info: manon.comerio@gmail.com






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok