Quanto bisogno di cura c'è ne "La pazza gioia"!

È uscito di recente nelle sale cinematografiche l'ultimo, atteso film di Paolo Virzì. L'autore, attraverso la messa in scena di due donne profondamente provate dalla vita, porta lo spettatore a riflettere sui concetti di normalità e diversità e, con straordinaria abilità e sensibilità, lancia un messaggio potente: non c'è miglior terapia dell'amore.

Beatrice Morandini e Donatella Morelli, protagoniste del film, sono due donne fragili e bizzare molto diverse fra loro ma accomunate dal fatto di essere disperatamente bisognose di comprensione e di affetto. Entrambe ospiti dell'istituto terapeutico Villa Biondi, si ritrovano a unire i loro tragici vissuti in una rocambolesca fuga on the road, una fuga che non è trasgressione ma solo desiderio di libertà, felicità, espressione personale in un mondo che invece s'mpegna ad imporre codici e norme di comportamento asettici e asfissianti. Ed ecco che il confine tra presunti savi e presunti matti si fa più labile. Le due protagoniste del film, che la società non esita a squalificare come persone a-normali, in fondo hanno qualcosa di comune a ciascuno di noi: il bisogno di cura (non tanto in senso clinico quanto affettivo). Ciascuno, se lasciato a se stesso e messo a dura prova dalla vita, rischia certamente di perdere la ragione. E i rimedi che vengono dalla società sono spesso dei falsi rimedi: guardando più al paziente che alla persona, anziché riabilitare, debilitano ancor di più. Ma Beatrice e Donatella, benché la vita abbia fatto di tutto per privarle della felicità, non sono disposte a rinunciare a quello che è un diritto umano fondamentale. Risiede forse in questo la loro pazzia: nel saper sperare e gioire laddove tutti noi, normali o presunti tali, ci saremmo arresi? Di nuovo, il confine tra normalità e pazzia sfuma.

Il film di Virzì, attraverso un coinvolgimento emotivo che va ben oltre la comune catarsi o la suggestione, ci porta a riflettere sul diritto di ciascuno alla felicità - felicità che è tanto maggiore quanto più risiede nell'amare e nell'essere amati e nel sentirsi parte di una comunità inclusiva. È questo ciò di cui abbiamo veramente bisogno per vivere, tutto il resto si traduce facilmente in follia.








ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok