Venezia sotterranea

Il Careni rende omaggio a Venezia per i suoi 1600 anni

Il 17 dicembre alle ore 20.30 ritornano gli aventi “made in Careni”. Il Cinema di Pieve di Soligo (TV) apre le danze con una serata dedicata a Venezia nell'anniversario dei suoi 1600 anni.

Tutto è iniziato a Venezia 78, quando una piccola delegazione di volontari del Careni ha partecipato alla Mostra del Cinema della Biennale; «lì nella sezione Orizzonti – spiegano – abbiamo visto Atlantide di Yuri Ancarani e ne siamo rimasti folgorati».

Il film è una riuscitissima commistione di cinema documentario e arte contemporanea. Senza scrittura, è stato realizzato seguendo per 4 anni un gruppo di giovani veneziani adepti della religione dei barchini truccati e della musica techno. Ancarani, l’artista ravvenate, si è infiltrato nella vita di questi ragazzi seguendo le loro storie e la ha portate sullo schermo con grande rispetto, mostrandole con crudo realismo pur mantenendo uno sguardo poetico, inedito. La luce allo zenith, la colonna sonora realizzata dal giovane produttore Sick Luke, rendono Atlantide un film che coinvolge, incuriosisce, trascina lo spettatore dentro una realtà segreta che mostra un lato inedito di Venezia e la sua laguna.

«Abituati a vedere Venezia come una cartolina di bellezza e cultura, noi che ne siamo visitatori – continuano i volontari del Careni – siamo rimasti profondamente impressionati da quest’opera, e abbiamo subito capito che avremo trovato il modo di portarla sul nostro schermo, nel cinema del Quartier del Piave, per il nostro pubblico che risponde sempre con entusiasmo alle nostre proposte culturali».

Occasione imperdibile quella di celebrare Venezia nell'anniversario dei suoi 1600 anni dalla fondazione, mostrandola da una prospettiva diversa, nascosta, sotterranea usando un termine paradossale. Ma poteva bastare un film? Per aggiungere contenuto e significato alla proposta culturale, il team Careni ha coinvolto Laura Fregolent, architetto, docente presso l’Università IUAV di Venezia, co-direttore della rivista “Archivio di Studi Urbani e Regionali” edita da FrancoAngeli. Originaria di Sernaglia della Battaglia ove è stata anche assessore alla cultura, veneziana d’adozione, donna che ha girato il mondo e dedita allo studio della trasformazione urbana, della dispersione insediativa, delle dinamiche sociali ad esse connesse e ai conflitti legati a queste trasformazioni, chi meglio di lei può parlare della Venezia di oggi, in questo particolare momento di grande cambiamento?

La Venezia Insolita di Dario Lotteri andrà a completare la proposta per la serata. Una serie di fotografie accoglierà gli spettatori in atrio: Dario Lotteri, fotografo appassionato del Fotoclub Sernaglia, spia del mondo circostante, fissa atteggiamenti umani ai quali, a volte, non si presta alcuna attenzione. Alla luce del sole, senza cogliere segreti personali e nascosti, racconta gli incontri quotidiani di ognuno di noi, con occhio diverso.

«Con grande entusiasmo proponiamo al pubblico questo evento dopo la lunga pausa impostaci dalla pandemia – chiosano i volontari del Cinema Careni – animati dalla passione per la nostra mission, diffondere cultura, punti di vista differenti attraverso il cinema».

L’appuntamento è per venerdì 17 dicembre alle ore 20.30 (ingresso 5€ o 4€ ridotto + tessera associativa a 1€). È possibile prenotare e fare la tessera online nel sito www.cinemacareni.it






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok