LAUDATO SI'

Enciclica sulla cura della casa comune

È un invito a una conversione ecologica globale quello rivolto da Papa Francesco alla famiglia umana nella lettera enciclica Laudato si’ sulla cura della casa comune. Una riflessione profonda e ben argomentata che si snoda attraverso sei capitoli, senza trascurare nessun aspetto dell’impatto ambientale dell’uomo sul Pianeta. Il pontefice, invita ad abbandonare un antropocentrismo sterile e deviato per tornare custodi del creato, come è nel disegno di Dio.

Papa Francesco individua nell'errata convinzione dell'uomo di essere superiore alle altre creature viventi, il male che sta distruggendo la bellezza e la vita, dall'inquinamento allo sfruttamento smodato delle risorse naturali, dalle disuguaglianze sociali alle guerre fratricide, senza dimenticare le problematiche climatiche.

Un'inutile arroganza nel consumare tutto incuranti del futuro, pensando solo a delle necessità superflue nell'immediato.

Il Pontefice sostiene inoltre la necessità di usare la tecnologia come mezzo comune per progredire assieme e non come risorsa di pochi a discapito dei più deboli.

L'uomo deve ridare i giusti valori alle cose e alle persone, in una equità sociale indispensabile per difendere le popolazioni più deboli e crescere assieme, inoltre, evidenzia la necessità di ritrovare un equilibrio spirituale, fondamentale per il proprio progredire interiore.

"Non tutto è perduto, perché gli esseri umani, capaci di degradarsi fino all’estremo, possono anche superarsi, ritornare a scegliere il bene e rigenerarsi, al di là di qualsiasi condizionamento psicologico e sociale che venga loro imposto. Sono capaci di guardare a sé stessi con onestà, di far emergere il proprio disgusto e di intraprendere nuove strade verso la vera libertà."

Con questo messaggio di speranza e due preghire, una per la Nostra Terra e l'altra Cristiana per il Creato, il Papa conclude l'Enciclica, invitando a riscoprire le meraviglie del Creato, esaltando le bellezze e la pace sulla terra, schierandosi fermamente contro le disuguaglianze, la distruzione e l'emarginazione.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok