“NOI DUE” di Giovanna Zucca

La scrittrice trevigiana si cimenta con il mistero della vita prima della nascita e fa sintesi, in questo romanzo più che in ogni altro, delle sue due anime di infermiera e filosofa.

“Noi due” edito da DeA Planeta è il sesto libro dell’autrice trevigiana. Il nuovo romanzo, per atmosfere e capacità introspettiva, ricorda la fortunata opera d’esordio “Mani calde”, raccontando tuttavia una storia molto diversa, che ha a che fare con la vita prenatale. In “Noi due” forse più che in ogni altro libro precedente si incontrano e si intrecciano i due grandi amori della Zucca, che definisce la propria esistenza “in bilico tra fisica e metafisica”: per professione è infermiera strumentista all’Ospedale di Treviso, con una lunga esperienza nel reparto di Ostetricia e ginecologia, mentre è filosofa per formazione e per passione e collabora attivamente con il Centro di Studi sull’Etica dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

La nuova avventura si svolge nel pancione di una futura mamma, che attraversa le fasi della gravidanza tra dubbi, speranze, esami diagnostici ed ecografie, e vede protagonisti due gemelli, due esserini che detengono la conoscenza dei grandi segreti della vita. Sono identici come due gocce d’acqua, ma hanno caratteri completamente diversi. Succede, si sa, tra gemelli. Tanto Gabriele è forte, risoluto e temerario di fronte a ogni genere di imprevisto, quanto Michele è prudente, sensibile e pieno di domande sui massimi sistemi. Stanno sempre vicini, parlano, scherzano, litigano, come tutti i fratelli. A volte rimangono a lungo in silenzio, altre volte si interrogano sui segreti dell’universo, sfiorando verità che forse nessuno prima di loro ha mai neppure intuito. Sono creature molto speciali, soprattutto perché osservano il mondo dal più imprevedibile dei punti di vista: dalla pancia della loro mamma. Sono appena stati concepiti, ma già comunicano tra loro e possono vedere cosa succede “là fuori”, dove ancora nessuno sa della loro esistenza. E quante sorprese e quante domande vengono spontanee ogni giorno: perché, ad esempio, Valentina, che ha trentasei anni e vorrebbe tanto avere un figlio, allo stesso tempo ne ha una terribile paura? Quale sarà la sua reazione quando scoprirà che sta per avere non uno ma due bambini? E come si spiega che certe volte piange quando è felice, e invece ride quando è nervosa? Alternando la prospettiva dei due spassosi nascituri con quella della futura mamma, Giovanna Zucca racconta con ironia, dolcezza e profondità, la più stupefacente avventura che chiunque abbia mai vissuto, risvegliando barlumi di quella primitiva misteriosa memoria che ci rende ciò che siamo.

L’autrice, attraverso i suoi libri, non dimentica di raccontare, nel bene e nel male, la regione in cui vive e in ogni suo romanzo c’è un po’ di Veneto: “Noi due” è ambientato a Treviso e tra le righe richiama gli angoli più caratteristici della città, modi di dire dialettali, piccoli vizi e piccole virtù.

«Per lavoro – spiega la scrittrice – vedo la vita al suo primo affacciarsi. Un giorno, assistendo alla nascita del primo di due gemelli e avendo la sensazione che il suo guardarsi intorno fosse un cercare l’altro, mi sono soffermata a pensare come doveva essere stata la convivenza tra quei due bambini durante i nove mesi nella pancia della madre. E cosa accadrebbe se invece la condivisione di quel percorso che porta alla venuta al mondo per uno dei due si interrompesse?». Così nasce questo affascinante viaggio all’interno del mondo prenatale. Nella pancia di Valentina i gemelli Gabriele e Michele crescono e dialogano del loro presente, in cui detengono i grandi segreti della vita, e immaginano il dopo, quando il taglio del cordone reciderà conoscenza e memoria, spiando il mondo là fuori. Ma nascere richiede coraggio, ne sono davvero pronti entrambi?

 






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok