Letteratura

24 Gen 2017


“Tutto ritorna”, il nuovo romanzo di Luigi Casagrande

Un viaggio nei sentimenti

Con questo suo nuovo libro, “Tutto ritorna” (2016, Zerounoundici Edizioni), Luigi Casagrande, operaio e padre di famiglia con la passione della scrittura, ci propone un viaggio nel tempo attraverso il ricordo, non una nostalgia fine a se stessa, ma una voglia di confrontarsi e capire i meccanismi che governano la formazione di un uomo dall’infanzia all’età adulta, quelle che sono le leggi della vita, e come tutto alla fine ritorni in un ciclo che si ripete come l’alternarsi delle stagioni.

La storia si svolge in un vecchio borgo dimenticato dove sfila una carrellata di personaggi stravaganti che l’autore descrive e indaga nella loro psicologia. Tutto accade in due soli giorni incastonati uno nel passato, uno negli anni attuali. Nella prima parte si ha la presenza di un caso di presunto assassinio ai danni di una ragazza vittima della maldicenza e dell’invidia, l’arrivo di una coppia di carabinieri con il conseguente interrogatorio dei borghigiani, un rocambolesco percorso sui tetti e la risoluzione finale del mistero. Nella seconda parte si parla dello smarrimento dell’individuo di fronte ai molti cambiamenti occorsi in seguito alla globalizzazione e alla recente crisi, della disumanizzazione dei lavoratori e del loro straniamento dal lavoro stesso, del riscatto dell’individuo mediante la riscoperta dei sentimenti e il ritrovo della propria dimensione umana.

A congiungere i due periodi è in particolar modo il protagonista, l’orfano Michele, che nonostante le sue sfortune cercherà di riportare il corso della sua vita nel verso giusto. La separazione dalla moglie, il declassamento professionale, i problemi economici, la mancanza del padre che sempre lo assillano: dovrà affrontare tutto questo, ma grazie a un’insperata amicizia e alla ricomparsa di una persona cara riuscirà ad acquistare una nuova fiducia nel presente.

Luigi Casagrande, con le sue vive descrizioni, sembra volerci portare per mano attraverso le viuzze e le vecchie case del borgo, a conoscere intimamente i suoi abitanti, non tralasciando di scavare nel profondo dei nostri valori: nei rapporti sociali, dove la sincerità e il dialogo sono essenziali; nei sentimenti, che richiedono sacrificio e dedizione, non superficialità; nella giustizia, che qualsiasi società sente come indispensabile; nel rapporto uomo-Dio, dove la fede autentica travalica i confini delle pratiche; nella ricerca della bellezza e della poesia nel mondo.

Un libro dove l’umorismo stempera le parti drammatiche, profondo e quasi visionario, che commuove e fa pensare, fluido nella lettura ma denso di significati.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok