DIDO + AENEAS

Un'opera scritta da Henry Purcell per allievi, rivisitata dall’Istituto Musicale A. B. Michelangeli di Conegliano per festeggiare i 20 anni di attività artistica nel territorio

Non è per nulla scontato che un grande compositore scriva brani per allievi: solo compositori che avevano a cuore la didattica come Purcell, Vivaldi e pochi altri, si sono cimentati in questo arduo compito.

Dido and Aeneas di Henry Purcell, composta sul libretto di Nahum Tate, è un exemplum unico nella storia del teatro di tutti i tempi: un’opera in tre atti scritta per le allieve di un collegio femminile di Chelsea, un sobborgo di Londra, e rappresentata per la prima volta nel 1689.

Pur con un obiettivo prettamente didattico, l’opera racchiude tutti gli elementi del teatro: il canto, la performance strumentale/orchestrale, la danza, la recitazione. Il tutto incorniciato dalla raffinatezza delle linee melodiche, dalla ricca sintesi delle strutture formali, dal rigore pedagogico del mito classico (lo scenario mitologico è quello del IV libro dell’Eneide di Virgilio), dall’elemento folklorico-animistico di figure appartenenti alle leggende anglosassoni (le Streghe), dal complesso simbolismo politico-sociale che sta alla base dell’intera vicenda.

Tutte queste caratteristiche hanno portato gli insegnanti della classe di canto lirico dell’Istituto Musicale “Arturo Benedetti Michelangeli” di Conegliano (TV) a valutare la rappresentazione di quest’opera come un’ottima opportunità di celebrare la Musica, e nello specifico caso quello che una Scuola di Musica può dare.

La loro visione dell’opera di Henry Purcell, sintetizzato nel titolo Dido+AEneas, è il risultato di un percorso creativo ed un approccio aperto che permette di compiere un viaggio emozionante in direzioni non convenzionali.

Lo scopo didattico che, dalla sua nascita fino ad oggi, ha sempre contraddistinto l’opera di Purcell è il motore e lo slancio necessario per stimolare gli studenti a crescere sotto la guida dei loro maestri e, quindi, affinare le loro capacità, esprimendosi su pagine scritte appositamente per loro. Ma non solo.

La peculiarità di questo allestimento prevede scelte registiche e scenografiche che trasportano lo spettatore in una Cartagine moderna. Al centro di tutto il vortice narrativo, la figura di Didone, eroina dei nostri tempi, figlia di una madre scomposta e inconsapevole: la città metropolitana. Constante il richiamo alle origini: il mito e la storia. Perchè, come diceva il compianto Dario Fo: “Se non sai da dove vieni non riuscirai mai a capire dove vuoi andare”.

Lo spettacolo, nato da un’idea di Giovanna Donadini per la regia di Giacomo Gamba sotto la direzione artistica di Alberto Pollesel, è realizzato da coro e orchestra dell'Istituto Michelangeli e dalle classi di canto lirico e qualche moderno. È la dimostrazione che l'unione delle forze all'interno di una stessa scuola può dar vita ad un sogno ad occhi aperti: quello di essere a servizio della musica e di ciò che essa può raccontare, proprio in occasione dei 20 anni di attività dell'Istituto.

Domenica domenica 5 febbraio dalle ore 18,00 alle ore 21,00 presso il Teatro Toniolo di Conegliano appuntamento da non perdere con l'opera barocca di Henry Purcell rivisitata dall'Istituto Musicale Michelangeli per festeggiare i suoi 20 anni anni di attività artistica sul territorio.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok