Musica

22 Lug 2019


Faun: ritorno alla Natura

Musica folk in stile medioevaleggiante per sentirsi Uno con la Natura

Definire un gruppo come i Faun non è affatto semplice: la varietà stilistica, strumentale, linguistica e di generi potrebbe accomunarli ai World of Omnia, di cui ho scritto già in passato, ma c’è un aspetto che più di tutti differenzia i due complessi: entrambi venerano la Natura per il suo essere Madre e Vita, ma nei Faun c’è di più.

Il gruppo nasce nel 1998 su iniziativa di Oliver “s. Tyr” Pade, Elisabeth Pawelke, Fiona Rüggeberg e Birgit Muggenthaler. L’esordio discografico però avviene solo quattro anni dopo, a causa di alcuni abbandoni interni alla formazione. Ne “Zaubersprüche” esordisce anche Niel Mitra, poi rimasto in pianta stabile e tutt’oggi unico componente a far uso di strumentazione elettronica.

Fra le particolarità che da subito colpiscono di questo gruppo, e primo elemento che li differenzia dagli Omnia, è l’abbondante presenza di strumenti medievali: arpa celtica, ghironda, nyckelharpa svedese, cornamusa, citra sono solo alcuni dei tanti accompagnamenti presenti nelle loro melodie.

Dichiaratamente “connessi con la Natura”, i Faun hanno modellato il loro stile musicale, da loro definito come Pagan Folk, mischiando elementi della musica popolare medievale con quelli celtici, new age, folk metal, darkwave ed elettronici: il risultato è un alchimia musicale che spazia da lente ballad malinconiche dai toni mistici fino ad allegre An-Dro (danze popolari bretoni) tutte da ballare ed apprezzare fino all’ultima nota; un mix, quello proposto dal gruppo tedesco, che abbraccia le tradizioni musicali di varie regioni d’Europa, della Persia, dell’Arabia combinate poi con la poetica tardo medievale e romantica tipica della letteratura tedesca.

I testi, benché ispirati dalle atmosfere tedesche e nordiche, sono scritti e cantati in diverse lingue: tedesco (nelle varianti standard e medievale), antico islandese, basso tedesco (dialetto basso sassone), norreno, latino, ungherese, finlandese e giudesmo, la lingua giudeo-romanza diffusasi fra gli ebrei spagnoli nel lontano ‘400. Nelle tematiche fanno propria l'ingenuità "sacra" con cui i popoli antichi guardavano alla natura.

Insieme ai colleghi Omnia e Corvus Corax, anche i Faun sapranno certamente come convincere chiunque li ascolti a sentirsi di nuovo Uno con la Natura, e non più Uno con Se stesso: lasciatevi trasportare dalla loro musica così antica e remota, riscoprite il passato, la frugalità delle melodie e la loro armonia con il vento; sentirete presto un richiamo lontano. Sarà quello del vostro animo.








ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok