Paramore: un fenomeno variopinto

I Paramore, gruppo alternative rock statunitense, nascono nel 2004 a Nashville su iniziativa della cantante Hayley Williams, i fratelli John e Zac Farro, Jeremy Williams e Jason Bynum. Inizialmente dediti ad un punk rock giovanile e controcorrente, esordiscono nel 2005 con l’album “All We Know Is Falling”, al quale seguirà “Riot!” del 2007, “Brand New Eyes” del 2009, l’omonimo “Paramore” del 2013 e il recentissimo “After Laughter”, uscito lo scorso maggio. Vantano inoltre due album live, un Grammy Award (vinto nel 2015), undici Teen Choice Awards e ben diciotto ai diversi premi di MTV.

Fin dagli inizi, i Paramore si sono mostrati come il classico gruppo adolescenziale, sbarazzino e irriverente verso la società adulta. I loro primi album, infatti, risentono molto della musica punk con evidenti influenze emo, che hanno dato vita ad un pop rock molto energico dai riff semplici ma di grande impatto, conditi di melodie carismatiche ed elettrizzanti.

Col passare del tempo e degli album, la band (anche per numerosi addii e cambi di formazione) ha mostrato un progressivo mutamento del sound, più ricco di influenze di altri generi e invariato solo nel carattere radio friendly delle canzoni.

Con l’album omonimo (“Paramore”), il gruppo inserisce nuove sonorità a simbolo della rinascita dopo un forte periodo di difficoltà (dovuto perlopiù a due cambi di formazione di notevole impatto mediatico e personale); il loro trascinante pop-rock viene condito con musica elettronica, indie, gospel, new wave, soul, funk e hard rock; ciò frutterà loro l’ambito Grammy Award per la migliore canzone rock, rendendo la cantante Hayley Williams, la prima vincitrice donna dal 1999.

Il cambio più definitivo, però, è udibile nell’ultimo album, “After Laughter”, apparentemente lontanissimo dagli album dei primi tempi e fortemente orientato al pubblico.

Se la loro musica è stata un continuo mutare di stili e influenze, non si può assolutamente dire lo stesso dei testi: dall’esordio a oggi lo stile letterario ha mantenuto sempre gli stessi approcci e tematiche, risultando sempre gradito ai fan. Fra le loro tematiche più ricorrenti si ricorda l’amore, sia per i suoi aspetti positivi che per quelli più dolorosi; il riscatto sociale, l’invito alla razionalità, la voglia di essere liberi dagli schemi e di saper affrontare il mondo da soli, in totale indipendenza affrontando le difficoltà della vita; numerosi sono anche i riferimenti alla fede cristiana.

I Paramore sono sicuramente una delle nuove frontiere dell’alternative rock: giovani, tecnici, carismatici e talmente variopinti da assicurarsi sia l’ammirazione dei nostalgici dei riff grezzi sia quella degli amanti delle sonorità nuove, più particolari e meno adolescenziali. Un gruppo simbolo della crescita: prima sbarazzino, ora maturo e più complesso. Del resto è così che va la vita, per ognuno di noi.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok