Il treno a Montebelluna

Una vera e propria pagina di storia del territorio si dispiega attorno allo sviluppo della stazione di Montebelluna (Treviso), lungo la linea Treviso-Belluno, a partire dal 1884. Dal 7 al 9 settembre 2019 una mostra fotografica e un libro per celebrare la riapertura del tratto Castelfranco Veneto-Feltre.

Raccontare la storia di una stazione, prima ancora che riscoprire la memoria di un luogo, significa addentrarsi in una moltitudine di vicende, episodi e aneddoti, di treni, di uomini e di un intero territorio: un mondo di relazioni e volti rivive nella tre giorni Il treno a Montebelluna, nata da un progetto dell’associazione culturale Ferrovie Arrugginite e dedicata ai 150 anni della stazione di Montebelluna e alla riapertura del tratto Castelfranco Veneto-Feltre, dal 7 al 9 settembre a Montebelluna. In programma ci sono la mostra fotografica allestita all’ex Ufficio Movimento di Montebelluna, Treviso, sabato 7 (15.30 - 19.00) e domenica 8 settembre (9.30 - 19.00), e la presentazione del libro Km 20+064. La stazione di Montebelluna (Danilo Zanetti Editore, 2019), scritto da Paolo Campeotto, Lucio De Bortoli e Samuele Trivellin con il contributo di Fonderia Corrà, in programma lunedì 9 settembre alle 20.30 al Centro civico di Guarda a Montebelluna.

La mostra raccoglie 22 foto d’epoca di treni e di uomini, ma anche una ventina di cimeli storici e circa 30 libri di tecnica ferroviaria e storici raccolti dall’associazione Ferrovie Arrugginite nel corso degli anni.

Km 20+064. La stazione di Montebelluna è molto più che un volume di storia ferroviaria locale, è la riscoperta di una città che nell’arco di un secolo e mezzo ha cambiato pelle e forma, è cresciuta e si è sviluppata in simbiosi con la propria stazione ferroviaria; gli autori intrecciano aneddoti, ricordi e racconti di storia locale che affondano le radici nell’anima di Montebelluna e riportano in vita un passato prossimo che è ancora radicato nella storia locale

Il libro segue ad un altro lavoro realizzato da Ferrovie arrugginite, il volume Km 27+331 Cornuda, la sua stazione…e altre storie, dedicato alla stazione di Cornuda, e aggiunge così un altro tassello alla storia ferroviaria della Marca Trevigiana.

Il progetto è realizzato grazie al sostegno di Fonderia Corrà, gruppo originario di Thiene, Vicenza, e con sede a Montebelluna, che si occupa di fusione della ghisa per una serie di comparti che vanno dalle macchine agricole e movimento terra, ai veicoli industriali, ferroviario, refrigerazione ed eolico.

Per informazioni: www.ferroviearrugginite.it






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok