Storie

26 Ott 2017


Un prezioso documento storico: "Serravalle" di Oscar De Zorzi

Vita artistica, religiosa, sociale e economica di Serravalle tra il Cinquecento e il Settecento, attraverso i documenti d'archivio. Il volume sarà presentato domenica 27 ottobre a Vittorio Veneto.
Il libro di Oscar De Zorzi è il risultato di ripetute e strenue «immersioni» nei diversi fondi archivistici vittoriesi e nell'Archivio di Stato di Treviso e costituisce una enorme e generosa restituzione di documenti per lo più inediti relativi alla sua amata Serravalle di Vittorio Veneto, luogo in cui vive da più di trentacinque anni. La varietà del materiale presentato è quasi spiazzante ed è l'esempio dell'eccedenza di cui è foriera ogni ricerca; un ventaglio straordinario di informazioni di prima mano che costituiscono degli spunti nuovi e oggettivi per una maggiore conoscenza della storia del territorio. Il risultato è uno scritto impegnativo ma assai stimolante, che ci invita ad una lettura non lineare e sequenziale quanto piuttosto ad un procedimento per associazione di idee, una sorta di ipertesto insomma, costituito da alcuni nodi tematici (vita artistica, religiosa, sociale ed economica) trattati nel testo principale, a cui si collega una caleidoscopica serie di «finestre», o «link», ciascuno dotato di autonomia di significato e riportato in buona parte nelle note, che il lettore può scegliere di affrontare o meno in base ai suoi personali interessi. Ecco che, intorno ai temi sopraccitati, i percorsi possibili si sviluppano temporalmente, tra il XVI e il XVIII secolo, e geograficamente, comprendendo, oltre a Serravalle, altre realtà limitrofe, tra cui San Martino di Colle Umberto, Fregona e Tarzo.
Così strutturato, il volume può essere letto tutto d'un fiato ma non una volta per tutte; al contrario, per la sua ricchezza e versatilità, diviene per quanti si occupano per lavoro o per passione della storia di questo territorio dell'Alta Marca Trevigiana uno strumento con cui confrontarsi costantemente.
 
Il libro sarà presentato domenica 29 ottobre alle ore 15.30 nella Pieve di Sant'Andrea a Vittorio Veneto. Dopo i saluti del parroco emerito, mons. Ermanno Crestani, e del nuovo parroco, don Michele Favret, presenteranno il volume la dott.ssa Cristina Falsarella, direttrice dell'Ufficio per l'Arte Sacra e i Beni Culturali della Diocesi di Vittorio Veneto, e il prof. Giuliano Galletti, insegnante e storico di Conegliano.
Saranno, inoltre, eseguiti intermezzi musicali all'organo della Pieve da Arianna Bastanzetti, con musiche di Bach, Pachelbel, Haendel.





ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok