CIASPOLATA VERSO IL RIFUGIO SCOIATTOLI

Le Cinque Torri nella loro stupenda livrea invernale...

Siamo quasi a metà marzo e solo ora, dopo un inverno quasi senza neve, possiamo approfittare di passare una giornata tra le cime innevate di Cortina.
Partiamo da San Vendemiano domenica, verso le 9 di mattina, per arrivare alle 10.30 al punto di partenza del sentiero che ci porterà al Rifugio Scoiattoli, dove potremo godere di una vista mozzafiato a 360 gradi.
L'inizio del percorso si trova lungo la strada del Passo Falzarego, un chilometro più su del parcheggio dove parte la seggiovia delle 5 Torri, precisamente al Pian dei Menis, una piccola valle tra le montagne, tutta bianca, tagliata solo da due ruscelli, che hanno scavato nella neve, e dalla pista che dal Rifugio Lagazuoi arriva alle 5 Torri.
Ci prepariamo con le ciaspe ai piedi e partiamo seguendo il sentiero 440, che porta allo Scoiattoli o all'Averau, il quale si trova a mezz'ora a piedi da dove arriveremo noi.
La camminata si preannuncia subito impegnativa, visto il metro di neve fresca caduta nelle scorse settimane. Ci addentriamo nel bosco e proseguiamo in salita per circa mezz'ora, finché ci fermiamo per ammirare il panorama con la Tofana di Rozes che si mostra in tutta la sua maestosità.
Continuiamo a salire. La fatica dovuta alla pendenza e alla difficoltà di camminare sulla neve, che ogni tanto ci fa affondare le gambe, inizia a farci rallentare, ma quando poi scorgiamo il Rifugio con le 5 Torri dietro, le forze ci tornano ed aumentiamo il passo uscendo dal bosco. Qui troviamo tutto un altro tipo di ambientazione, ma altrettanto bella: grandi rocce da tutte le parti che sembrano cadute dalla montagna che ci sovrasta.
In quaranta minuti da lì, per un totale di due ore, raggiungiamo finalmente il Rifugio Scoiattoli ed ammiriamo il panorama innevato e spettacolare tutto attorno a noi.
Mangiamo e ci rilassiamo un po' prendendo il sole e poi ripartiamo seguendo lo stesso sentiero in discesa. In un'ora e venti torniamo alla macchina con i piedi doloranti e molta stanchezza, ma con una grande soddisfazione per la bellissima giornata trascorsa in uno dei posti più belli delle Dolomiti.








ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok