Cima Emilia

Lo spettacolo della Val Montanaia

Partenza ore 6.00, siamo in 5, destinazione Cima Emilia 2369mt, un escursione per far gambe e testare la nostra resistenza.

Mentre ci avviciniamo in auto, al rifugio Pordenone, vediamo che dalle montagne circostanti sgorgano cascate un pò ovunque, alcune dovute agli ultimi residui di neve, ed altre alle continue piogge di questo periodo.

Una volta parcheggiato, iniziamo il lungo sentiero e subito incontriamo una volpe in cerca di cibo tra le ghiaie e le rocce del lungo canale che ci porta alla base dello splendido Campanile di Val Montanaia, una spettacolare e divertente torre, da arrampicare. Per prato, raggiungiamo il bivacco perugini e siamo al centro della valle, uno spettacolo per gli occhi, montagne a 360° che spaziano dagli spalti di toro alla Croda Cimoliana.

Da lì sulla sinistra (spalle al bivacco), vediamo la nostra cima, si prosegue in direzione della forcella Montanaia, per seguire un taglio nel ghiaione, appena prima, sulla sinistra, che in breve ci porta alla base della parete.

Con passaggi aerei e delicati, arriviamo nel camino (friabilissimo) che ci proietta a ridosso della cima, ancora qualche facile passo e siamo in vetta... Silenzio assoluto, non si sente nemmeno il vociare delle cordate sul campanile, siamo soli a 2369mt su di un esile cima, poi le solite foto e firme sul libro di vetta e giù, nuovamente per quel fragile canalino e a ritroso, fino al bivacco dove sostiamo.

Ma prima di tornare all'auto, diamo un'occhiata all'attacco di una futura via... La "Pacifico" o la "Gherbaz", sulla parete di fronte, la Croda Cimoliana, un progetto spero a breve termine... in poco siamo al rifugio Pordenone dove beviamo una birra per festeggiare la salita.

Con nostra sorpresa vediamo una grossa mobilitazione di soccorritori, unità cinofile e protezione civile, veniamo a sapere in seguito che si trattava di una massiccia esercitazione per cercare Adriano Duse, scomparso a maggio, nella adiacente val Cimoliana, le squadra hanno ripercorso le zone dapprima coperte di neve ed ora spoglie, ma purtroppo alle 16 sono rientrati a mani vuote.

Foto Panoramica a 360°

 

 

 








ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok