Escursioni

12 Nov 2019


Escursione circolare sul Monte San Vigilio

Il Monte San Vigilio è un luogo tranquillo, ideale per rilassarsi nella natura e fare delle romantiche escursioni invernali.

Quando i fiocchi di neve cadono e trasformano il paesaggio in un luogo da favola, è ora di immergersi nella natura idilliaca dell’Alto Adige e di andare alla scoperta del paesaggio innevato. Il Monte San Vigilio - che si eleva tra la Val Venosta a nord, la piana di Merano a est e la Bassa Val d’Ultimo a sud - è il luogo ideale, in quanto zona naturalistica rigorosamente chiusa al traffico: è raggiungibile solo con la funivia da Lana.

La stazione a monte della funivia è punto di partenza per numerose escursioni attraverso il paesaggio innevato.

Quella che noi vi proponiamo segue il sentiero n°34, in leggera salita: sopra si vede passare la funivia e a fianco la pista per gli slittini. Dopo circa tre quarti d’ora il sentiero esce dal bosco e passa per un grande prato innevato fino all’albergo-ristorante Jocher. Nelle immediate vicinanze, a 1.800 m di altitudine, si trova anche la famosa chiesetta di San Vigilio, l’emblema della zona; la si raggiunge percorrendo una breve ma ripida salita. Seguendo il sentiero n°9 si procede lungo la spianata dei “Röcken” e, dopo una breve accentuata discesa, si raggiunge l’albergo Seespitz, sull’idilliaco laghetto “Schwarze Lacke” (Pozza Nera). Da qui si prende il sentiero n°7 che gira attorno allo specchio d’acqua sulla sinistra; ora si cammina in piano o in lieve pendenza, tornando indietro attraverso il bosco e godendo a tratti della splendida vista panoramica che arriva sino alle Dolomiti. In alcuni passaggi il sentiero è molto stretto: si consiglia di ammirare il panorama facendo delle brevi soste. Recuperato il sentiero n°34, lo si segue verso il basso a sinistra, facendo ritorno al punto di partenza.

Cusiosità sul Monte San Vigilio

Svariati ritrovamenti di pietre focaie provano che su questa montagna dalla sommità tondeggiante già nel neolitico erano soliti sostare dei cacciatori, mentre non vi sono prove dell’esistenza in loco di insediamenti preistorici fissi. Il Monte San Vigilio, la montagna di casa degli abitanti di Lana, è divenuto molto presto un ambito luogo di villeggiatura; non desta quindi meraviglia che già nel 1912 una funivia collegasse Lana alla montagna. Una realizzazione tecnica pionieristica, senza dubbio, soprattutto se si pensa che all’epoca, a livello mondiale, esisteva una sola funivia abilitata al trasporto persone, quella da Bolzano al Colle. Francesco Ferdinando d’Asburgo in persona, arciduca ereditario d’Austria-Ungheria, non volle lasciarsi sfuggire il piacere (e onore per i promotori dell’opera) di salire al Monte a bordo di una cabina appesa a una fune metallica, accompagnato per l’occasione dalla consorte Sophie. Ma anche celebrità come Fritz von Herzmanovsky-Orlando, Franz Kafka, Christian Morgenstern e Franz Lehár ebbero occasione di conoscere e apprezzare Monte San Vigilio. Nacque così sul posto una serie di chalet per le vacanze, di ville per i “cittadini”, la popolazione contadina di solito si accontentava di una baita per il fieno; c’era un gran movimento d’estate, mentre d’inverno si creò una piccola zona sciistica amata soprattutto dalle famiglie, che ancor oggi svolge la sua funzione, manto nevoso permettendo. Il Monte è attraversato da una fitta rete di passeggiate e sentieri, il che ne fa un vero paradiso per escursionisti e biker. E poi c’è la chiesetta di montagna da cui il Monte prende il nome, le cui origini risalgono presumibilmente all’epoca attorno al 1100. San Vigilio, uno dei patroni dell’Alto Adige (e del Trentino), dopo essere stato dichiarato santo, “assunse” il ruolo del fino ad allora temutissmo dio pagano del tuono “Thunar”, divenendo santo protettore dal maltempo. Fedeli di Lana, Marlengo e Quarazze particolarmente legati alla tradizione partecipano ancora oggi alla annuale processione rogatoria alla chiesetta.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok