Zuc Torondo

Piancavallo

Dopo la recente nevicata, chiamiamo i vari rifugi, posizionati il più possibile vicino alle varie e blasonate forcelle in quota, per poterle risalire e scendere con gli sci... La risposta è unanime "riuscite forse a salire ma sicuramente non a scendere".

Infatti la neve è caduta tra i 1100 e i 2000; inoltre, non avendo un fondo già costituito diventa ingestibile, quindi che fare??? Un altro giro in Nevegal... "No" è la risposta unanime, piuttosto scegliamo una delle cime del Piancavallo, nella fattispecie il monte Tremol.

Partiamo relativamente tardi visto il tipo di giro, una volta parcheggiato, vicino al palaghiaccio, ci prepariamo, pelliamo gli sci e alle 9.30 iniziamo la salita.

Itinerario ben segnato, facile e vario, prima in un bosco, poi a bordo pista ed infine per un sentiero sulla spalla del monte.

Come arriviamo su quest'ultima parte, iniziano i dubbi: il manto è bello ma si parla di una velata; in alcuni punti ci sono solo 20cm di neve e sotto erba o rocce, tant'è che non ci c'è salito nessuno...

Ci guardiamo attorno e decidiamo di cambiare itinerario: puntiamo la forcella tra il monte Tremol e il monte Colombera, ma anche lì non c'erano segni di salita e molti sassi in vista.

Non ci resta che dirigerci verso forcella Palantina. Nel raggiungerla, siamo attratti dal monte alla nostra sinistra, che scopriamo poi chiamarsi Zuc Torondo.

Anche qui le condizioni sono le medesime, ma i pendii molto piu dolci. Arrivati sopra, un vento forte cerca di spazzare via quest'esile neve.

Due parole sulla triste stagione per noi sci-alpinisti, uno sguardo al nostro vero obiettivo e dopo un veloce cambio assetto, bloccati gli scarponi, ci godiamo questi pochi metri di fresca.Tempo due curve... e un sasso frena la mia corsa, segnandomi vistosamente la soletta di uno sci!

Ripieghiamo sulla vicina pista, fermandoci al rifugio Arnieri. Ci godiamo un pò di sole nonostante l'ormai fastidioso vento e poi giù fino alla baita alla base dell'impianto; pranziamo e, dopo una brevissima risalita, torniamo velocemente all'auto.

 






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok