ARMONIA E BENESSERE CON LA FORZA DELLA NATURA

Conversando con Maurizio Trentin – Erborista, Naturopata, Iridologo, Consulente della Salute dell’Abitare e di Agricoltura Omeodinamica – ci siamo addentrati nell’affascinante mondo erboristico, regolato da un profondo rispetto per la natura, la quale, se opportunamente osservata e lavorata, ci offre tutto ciò di cui abbiamo bisogno per vivere bene.

1. Maurizio, ci racconti in breve la sua attività…

La Madre Terra è una vera e propria erboristeria tradizionale, che cerca di portare avanti il naturale, offrendo un ampio assortimento di piante officinali biologiche di qualità extra, integratori alimentari selezionati, oli essenziali rigorosamente biologici, prodotti cosmetici bio certificati, etc. e consulenze mirate su temi fitoterapici.

2. Perché ha scelto di fare questo mestiere?

Già gli antichi dicevano “L’uomo è ciò che mangia”. Ecco, io ne sono profondamente convinto e su tale convinzione ho impostato la mia professione: in quanto Erborista posso offrire alle persone integratori alimentari naturali; da Naturopata ho anche la possibilità di consigliare un’alimentazione naturale in base alle tipologie (gruppo sanguigno) e alle esigenze delle persone. Credo fermamente nei benefici che si possono ricavare percorrendo questa strada del naturale, anche per la mia esperienza personale: i metodi naturali mi hanno aiutato molto durante un periodo di malattia, come hanno aiutato molto la mia famiglia. Per questo, direi, sono fortemente motivato a promuovere uno stile di vita naturale per il benessere e la salute individuali.

3. Tra il chimico e il naturale la scelta non è così scontata. Secondo lei, a cosa si deve lo scetticismo che c’è intorno ai prodotti naturali, anche se certificati e normati (bio)?

Un tempo ricorrere al naturale era… naturale (mi si conceda il gioco di parole). Oggi, con il progresso scientifico, la gente ripone la propria fiducia nella scienza medica; siamo cresciuti con la farmacopea dalla quale ci si aspetta interventi sempre più sicuri e risolutivi. Ma anche in campo erboristico c’è uno sviluppo: se i nostri nonni intuivano soltanto i benefici ricavabili da determinate piante, oggi disponiamo di schede tecniche e studi scientifici sempre più approfonditi sulle proprietà dei prodotti naturali. Si è costatata, inoltre, l’utilità di tali prodotti per la prevenzione e il rinforzo psicofisico e immunitario.

4. Qual è, secondo lei, l’errore più frequente che commettono le persone nell’accostarsi a prodotti per il benessere naturale?

Concepire la pianta come un farmaco, quindi attendersi lo stesso effetto benefico immediato. I risultati delle piante officinali o degli integratori naturali ci sono e si vedono, ma bisogna imparare ad avere pazienza e costanza, poiché i prodotti naturali non hanno l’immediatezza del farmaco.

5. Quale approccio alla salute mette in campo nel suo lavoro?

Nell’accostarmi alla salute delle persone unisco sempre le mie competenze di Erborista alle competenze di Naturopata e Iridologo: l’erboristeria da sola è come un’isola in mezzo al mare, non ha comunicazioni. Un’indicazione importante per approcciarsi alla salute viene dall’Iridologia attraverso la quale si può comprendere l’attuale stato di salute della persona; poi, in base a ciò che si ricava dall’indagine e dialogando con la persona, facendola parlare per poter comprendere al meglio le sue problematiche, si propone un percorso naturale che sostenga il benessere psicofisico in base alle necessità specifiche.

6. Quale approccio alla persona?

Ogni persona è "a sè" e, in quanto singolarità, mi propongo di accoglierla e di informarla in base a ciò che necessita e in base a ciò che la mia esperienza mi ha fatto comprendere e mi permette continuamente di comprendere.

7. Quale approccio all’ambiente?

L’attenzione all’ambiente è basilare, perché le piante vengono dall’ambiente, l’uomo viene dall’ambiente… Dal momento che noi siamo sempre in relazione con l’ambiente, prendersi cura dell’ambiente significa anche prendersi cura di noi stessi.

8. Quali sono i valori che orientano la sua attività?

Direi… il RISPETTO PER LA NATURA che ci nutre sotto tutti i punti di vista; per punti di vista intendo i piani sottili, eterei e spirituali che l’ambiente, e quindi la pianta, condividono con l’uomo, il quale non si nutre solo di ferro, carboidrati, proteine ma anche di molti altri elementi contenuti nelle piante… per gli scettici non ci sono, ma di fatto ci sono. È difficile che un esperimento risulti sempre uguale se reiterato nel tempo alle medesime condizioni oggettive, perché a fare la differenza ci sono delle condizioni ulteriori, spesso sottovalutate: basta che ci sia sole o pioggia, luna piena o luna nuova, gioia o ira… e il risultato cambia, non è mai sempre lo stesso; per questo, soprattutto quando è in gioco il ben-essere delle persone, non esistono parametri o soluzioni standard. Un altro valore che reputo fondamentale nel mio lavoro è l’ETICA e la MORALE: è importante conquistarsi lealmente la fiducia delle persone, quindi lavorare bene e offrire loro l’opportunità di comparare i prodotti e di informarsi in prima persona.

9. Cos’è per lei di primaria importanza per svolgere bene il suo lavoro?

Fondamentale è la CONOSCENZA, la FORMAZIONE, perché è con competenza che si deve andare incontro al cliente, per risultare credibile ai suoi occhi, ed esserlo effettivamente, offrendo un servizio qualificato.

 

Al termine dell'interessante chiacchierata, Maurizio Trentin si è reso disponibile a collaborare con noi per implementare la sezione Salute&Benessere della nostra rivista con consigli utili e informazioni specifiche sulle proprietà delle piante e di altri prodotti naturali.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok