Salute

22 Mag 2018


LA "MADRE TERRA" CONSIGLIA: GINKGO PLUS

Il Ginko Plus, chiamato anche albero della vita, è l'albero più antico presente sulla terra. Numerose ricerche hanno dimostrato l'efficacia degli estratti di ginkgo biloba per il trattamento di svariate affezioni dell'apparato circolatorio e respiratorio. Possiamo considerare la somministrazione di ginkgo biloba una valida risorsa terapeutica in tutti i fenomeni di deterioramento delle funzioni cerebrali, nei disturbi del microcircolo e in caso di aumento dell'aggregazione piastrinica.

ATTIVITÀ E BENEFICI

Migliora la circolazione venosa, arteriosa e celebrale; è un antiaggregante ed antiossidante.

Demenze senili e morbo d'Alzheimer: in oltre 40 esperimenti clinici, la frazione flavonica del ginkgo biloba ha dimostrato di essere in grado di promuovere il flusso sanguigno, di proteggere contro gli episodi ischemici e l'ipossia e di svolgere effetti benefici sul metabolismo di produzione di energia delle cellule nervose; si sono riscontrati effetti protettivi sulla guaina mielinica e sui sistemi di trasmissione e ricezione celebrale. Altri studi svolti sul trattamento delle demenze indicano significativi miglioramenti nei casi di perdita di memoria, mancanza di concentrazione, affaticamento, ansia e stati depressivi.

Memoria: migliorando la circolazione a livello cerebrale e promuovendo il metabolismo dei neuroni, il ginkgo biloba è in grado di incrementare la prontezza mentale, la concentrazione, la memoria a breve termine e le capacità cognitive.

Problemi circolatori: Pianta elettiva per la cura dei disturbi circolatori, il ginkgo biloba svolge benefici effetti anche nei disturbi dei capillari e delle venule. L'attività circolatoria è rinforzata dall'attività antiossidante dei ginkgo flavoidi glicosidi, che rappresentano un fattore di prevenzione contro il danno dei radicali liberi.

Disturbi collegati all'eccessiva aggregazione piastrinica: Riducendo l'attività del PAF, e di conseguenza l'attività piastrinica, il ginkgo biloba può essere utilizzato in tutte le condizioni ad essa collegate quali asma, allergie, ictus, stati infiammatori, vertigini, emicrania, sindrome di Raynaud. Tutti questi sintomi hanno in comune la riduzione della microcircolazione ed un aumento dell'aggregazione piasrinica.

Curiosità: Il ginkgo è dato dalle foglie di ginkgo biloba, è l’esemplare superstite di una flora preistorica di oltre 250 milioni di anni fa. Ritenuta estinta fino al XVIII secolo conosciuta in Europa solo attraverso reperti fossili, tanto che Darwin non esitò a definirla addirittura “fossile vivente“, è un albero la cui specie è sicuramente la più vecchia sulla terra, può raggiungere i 1000 anni di vita. Alta fino a 30-40 metri, con un tronco che può raggiungere il metro di diametro. Queste piante sono un antico gruppo di gimnosperme ad alto fusto, con caratteristica forma a ventaglio. Non c'è da stupirsi, dunque, che in Giappone sia considerato un albero sacro, spesso presente nelle vicinanze dei templi. Per questo motivo si ritiene che la specie sia stata preservata grazie alla coltivazione operata dai monaci cinesi per ornare i luoghi di culto.

Rubrica La Madre Terra di Maurizio Trentin.


Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/integratori/ginko-ginkgo-biloba.html






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok