Salute

19 Giu 2018


LA "MADRE TERRA" CONSIGLIA: IL CARCIOFO

Il carciofo è una pianta tipica perenne del bacino del Mediterraneo, coltivato fin dall’antichità, è particolarmente apprezzato per le sue proprietà ipocolesterolemizzante e ipoglicemizzante e di disintossificazione del fegato. Sono una fonte preziosa di potassio e di sali di ferro oltre che ricchissimi di fibre e quindi utili per eliminare le tossine e regolarizzare la digestione.

ATTIVITÀ E BENEFICI

  • Azione ipolipidica: il carciofo inibisce la sintesi di colesterolo, favorendone la riduzione dei livelli sierici; l’effetto epaprotettivo è dovuto all’attività antiossidante.
  • Azione epaprotettiva: studi svolti in vivo hanno dimostrato che le lesioni provocate da alcune sostanze epatotossiche vengono notevolmente ridotte nei soggetti trattati con preparazioni a base di carciofo.
  • Azione antidispeptica: la dispepsia è una malattia dell’apparato digerente, che ha come conseguenza una digestione lenta e difficoltosa che può essere provocata da diversi fattori tra i quali il tipo di dieta o l’uso prolungato di antinfiammatori. I sintomi sono bruciori a livello gastrico ed esofageo, dipendenti da turbe della motilità gastrica o da alterazioni delle funzioni secretive epatiche. L’azione della cinarina (componente del carciofo) stimola il flusso della bile e ringiovanisce il deflusso della bile stessa dal fegato all’intestino.
  • Azione colagoga: il carciofo stimola la secrezione della bile a cui corrisponde una riduzione dell’eliminazione dei sali e dei pigmenti biliari nelle urine.
  • Azione diuretica: l’assunzione del carciofo stimola l’eliminazione di acqua e di elettroliti. Dopo un incremento iniziale di tasso azotemico, è possibile notare una diminuzione dello stesso associato a una stimolazione dell’eliminazione azoturica.
  • Azione antibatterica: il carciofo ha dimostrato di avere anche un’azione antibatterica su ceppi di Staphylococcus, Salmonella, Shigelle e Proteus.

Curiosità: Orazio si era ispirato la al nome del fiore del carciofo per decidere il soprannome di una sua giovane amante. Ciò si deve forse all'aspetto “polposo e saporito” della fanciulla, o anche  al caratterino, viste le spine. Una terza opzione potrebbe collegarsi al fatto che i greci e i romani attribuivano alla pianta chiamata Cynara. Durante il Rinascimento il carciofo veniva considerato utile anche per stabilire lo stato di gravidanza e il sesso del nascituro.

Rubrica La Madre Terra di Maurizio Trentin.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok