Salute

24 Gen 2017


"LA MADRE TERRA" CONSIGLIA: IL GUARANA'

Il Guaranà e le sue proprietà

Il guaranà è un arbusto rampicante diffuso nel bacino settentrionale del Rio delle Amazzoni, è conosciuto per le sue proprietà toniche, energetiche e stimolanti. In Brasile e Venezuela viene utilizzato per la preparazione di bevande toniche e stimolanti che vengono consumate in grandi quantità come il caffè o il tè. Si utilizzano i semi che una volta sgusciati vengono macerati in acqua, essiccati, tostati ed infine macinati. La pasta che si ottiene viene affumicata, dopo questa lavorazione è pronta da utilizzare.

ATTIVITA' E BENEFICI

  • Azione dimagrante: il guaranà è una pianta ricca di basi puriniche, in particolare la caffeina, la xantina, l'ipoxantina e presenta tracce di teofillina, teobromina, adenina e guanina. Contiene inoltre polifenoli e proantocianidoli dimeri del gruppo B. La caffeina, è un importante alcaloide xantinico che agisce soprattutto sul sistema nervoso centrale, sull'apparato cardiovascolare, quello respiratorio e sulla funzione renale. Gli alcaloidi sono composti vegetali fisiologicamente molto attivi che agiscono sull'organismo in piccole dosi. Nei confronti del SNC la caffeina provoca un lieve eccitamento corticale, favorendo la percezione delle eccitazioni sensoriali, l'associazione di idee e il lavoro intellettuale, riducendo la sensazione di fatica e di fame. Questi effetti sono dovuti da una maggiore irrorazione sanguigna della corteccia conseguente a un'attività dilatatrice dei vasi cerebrali. La caffeina svolge un'azione efficace di aumento del metabolismo cellulare, favorendo l'idrolisi dei trigliceridi in acidi grassi e glicerolo. In poche parole la sua azione è simile a quella del caffè, che invece è più ricco di caffeina e tannini. Il tempo di stimolazione del guaranà è il doppio di quello provocato dal caffè o dal tè. E' infatti utilizzato come supporto alle diete per la riduzione del peso, il suo impiego come diuretico e cardiotonico, così come stimolante del sistema nervoso centrale.
  • Azione tonico stimolante: l'eccitazione del SNC e dell'apparato neuromuscolare, provocata dalla caffeina, fa aumentare l'attenzione e la memoria. Si è notato che se associata all'ibuprofene, ha efficacia contro cefalee. Secondo uno studio su alcuni volontari, ha dimostrato che l'assunzione orale di caffeina anche una minima dose, fa aumentare il livello di vigilanza e il tempo di reazione visivo. L'estratto di guaranà, invece, aumenta la resistenza fisica dell'organismo a un eccesso di lavoro o ad una situazione stressante.  Questo effetto è dato da un'aumento di glucosio disponibile, che stimola le funzioni cognitive. E' consigliato l'uso negli anziani con deficit di memoria o nei giovani sottoposti a sovraffaticamento fisico e psichico. In altri studi ha dimostrato la capacità di aumentare la forza della fibra muscolare, specialmente quando il muscolo è affaticato.
  • Azione cardiovascolare: esplica azioni inotropa e cronotropa positive, aumenta il consumo miocardico di ossigeno e ha una moderata azione vasodilatatrice  periferica e diuretica. La caffeina inoltre favorisce la diuresi, migliorando l'eliminazione di cloruri, dell'urea e della creatina.

Curiosità: Il guaranà era ritenuta una pianta sacra dalle varie tribù amazzoniche che ne facevano un uso regolare ritenendola responsabile della vitalità e della longevità. In Brasile è conosciuto col nome fruto da juventude. Da sempre utilizzata  dalle popolazioni indigene, come tonico, afrodisiaco e stimolante in caso di stanchezza. Esistono due varietà di guaranà: quella tipica e quella sorbibile che oltre ad essere la più pregiata è anche la tipologia che viene coltivata. La raccolta avviene una volta all’anno, nel periodo compreso tra novembre e dicembre. Secondo una leggenda di una tribù abitante il Rio delle Amazzoni, il frutto del guaranà rappresenterebbe la riproduzione vegetale dell’occhio di un grande guerriero morto in battaglia e seppellito nella foresta in tempi antichissimi, ancor prima della venuta dell’uomo bianco sul suolo americano.

Rubrica La Madre Terra, di Maurizio Trentin.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok