Salute

04 Dic 2018


Le fibre dei cereali

Perché mangiare integrale fa bene? Ormai mangiare integrale è diventato un consiglio, una regola accettata da tutti, si dà per scontato che se si mangia integrale, si ottengono solo benefici, ma ci sono anche delle controindicazioni che possono creare problemi se non seguiamo le regole giuste. Per capire la differenza tra un cereale raffinato ed uno integrale è importante sapere che ogni chicco è costituito da tre sezioni distinte: la crusca esterna, ricca di fibre, il germe interno, ricco di micronutrienti, e l’endosperma, ricco di amidi.

I cereali integrali comprendono tutte e tre le componenti del chicco. Spesso questi cereali vengono trasformati in farina utilizzata per la produzione di panefiocchi per la colazione, pasta, cracker e altri prodotti da forno. A prescindere da come viene lavorato il cereale, il prodotto integrale dovrà conservare la stessa proporzione di crusca, germe ed endosperma presente originariamente.

Aggiungere della fibra alla nostra alimentazione fa bene, proprio perché la fibra ha un ottimo effetto nel riequilibrio della glicemia, crea maggiore sazietà ed aiuta e rallenta l'assorbimento del pasto, da un rilascio graduale dei nutrienti, dandoci un’energia di lunga durata. I cereali integrali in chicco, non trasformati, sono una preziosa fonte di fibra e micronutrienti, come antiossidanti, vitamine, minerali. Sono inoltre una buona fonte di acidi grassi polinsaturi. 

Le controindicazioni dei cereali integrali

I gas intestinali: quando si mangiano troppe fibre alimentari, si può incorrere a fenomeni spiacevoli, come i gonfiori, le flatulenze, la pancia che inizia a tirare. L’organismo non è in grado di degradare le fibre in maniera propria e se consumate in eccesso, i  processi digestivi si rallentano o addirittura si fermano, causando indigestioni, gonfiori e crampi addominali.

Malassorbimento dei minerali: diversi studi hanno evidenziato come le fibre alimentari riducano l’assorbimento dei nutrienti essenziali e di minerali, vitamine, rendendo l’organismo incapace di trarre il massimo beneficio dai principi nutritivi presenti nell’alimentazione.

La stitichezza: a volte può causare stitichezza, specialmente in caso di alimentazione con pochi liquidi. Se la fibra viene assunta in modo sconsiderato, dalla stitichezza si potrebbe arrivare al pericoloso blocco intestinale.

Integratori e farmaci: se si assumono farmaci o integratori insieme a cibi integrali, si riduce non solo l’assorbimento dei principi nutritivi del cibo, ma anche delle sostanze degli integratori. Questo succede in particolare se si assumono dei supplementi a base di fibre.

 Fai attenzione ai prodotti a base di crusca, che vogliono essere a basso contenuto calorico con un’aggiunta di fibra, spesso sono prodotti aggressivi sulle delicate pareti intestinali e se utilizzati specialmente in modo sconsiderato, possono causare disturbi. Evitiamo il passaggio drastico dai cibi con farine raffinate a quelli integrali, perchè il corpo deve abituarsi a digerire questi alimenti. Quando si assumono fibre, bisogna bere molta acqua, per evitare stati di disidratazione. Le fibre assorbono liquidi per creare volume.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok