Salute

19 Ott 2021


Perché abbiamo bisogno della vitamina C?

Risponde Roberto Gava

La vitamina C (nota anche come acido ascorbico oppure come ascorbato, intendendo in quest’ultimo caso il sale che si costituisce nell’organismo tra acido ascorbico e un minerale come sodio, potassio, calcio, ecc.) è una delle vitamine più importanti del nostro organismo essenzialmente per due motivi:

  • entra come attivatrice di tantissime reazioni enzimatiche indispensabili per la difesa e il mantenimento della vita;
  • è una vitamina che il nostro organismo non può sintetizzare e che neppure tiene in deposito in quantità sufficienti per garantire rifornimenti cellulari prolungati (come invece fa con le vitamine liposolubili A, D, E).

A tale proposito va detto che l’homo sapiens, le cavie, le scimmie, alcuni pipistrelli, alcuni pesci e molti uccelli non producono la vitamina C, mentre il resto del regno animale e il regno vegetale sono capaci di sintetizzarla a partire dal glucosio.

Si suppone che una volta l’uomo producesse la vitamina C nel proprio fegato impiegando nel processo 4 enzimi che convertono gli zuccheri in acido ascorbico. Oggi però abbiamo solo 3 di quei 4 enzimi e si pensa che la perdita di uno di essi sia stata causata da una mutazione che ha disattivato il gene dell’enzima gulonolactone-ossidasi (GULO).

A causa di questo errore metabolico congenito, l’uomo deve acquisire vitamina C da fonti alimentari.

Quello che è interessante sapere è che i mammiferi che sintetizzano la propria vitamina C possono vivere 8-10 volte oltre l’età della loro maturità fisica, mentre quelli (come noi) che non hanno questa capacità e che devono assumere la vitamina C con il cibo raggiungono a fatica le 3-4 volte. Si pensa quindi che se si potesse re-installare l’enzima mancante, la nostra vita potrebbe durare qualche centinaio d’anni. Ci si chiede, infatti, se le famose età dei nostri progenitori biblici non fossero motivate dalla presenza dell’enzima che è andato gradualmente piano piano riducendosi e poi scomparendo.

Se questo dato fosse confermato, potrebbe essere razionale assumere dosi giornaliere adeguate di vitamina C, sia per sopperire le carenze che al giorno d’oggi sono generalizzate, sia per contrastare la produzione dei radicali liberi che creano uno stress ossidativo patogeno e, come conseguenza di questo, per riuscire presumibilmente ad allungare la nostra vita.

È importante quindi assumere la vitamina C dall’esterno in dosi adeguate con frutta e verdura (principali fonti di approvvigionamento). L’integrazione con vitamina C come ausilio preventivo dovrebbe avvenire in un secondo tempo, solo quando il medico lo ritiene necessario. 

(Fonte: Roberto Gava)

---
Roberto Gava si è laureato in Medicina all’Università di Padova, si è specializzato in Cardiologia, Farmacologia Clinica e Tossicologia Medica, per poi perfezionarsi in Agopuntura Cinese, Omeopatia Classica e Bioetica. Dopo aver lavorato per quindici anni in ambiente universitario, aver scritto due libri di Farmacologia e più di cento pubblicazioni scientifiche, essendosi convinto che il compito di un clinico è quello di scegliere di volta in volta la tecnica terapeutica più appropriata per il suo paziente in modo da poter personalizzare qualsiasi trattamento, sia preventivo che curativo, da quasi trent’anni studia sistematicamente la letteratura scientifica per accrescere le proprie conoscenze scientifiche e per poterle utilizzare nella pratica clinica quotidiana e nei suoi interventi divulgativi. È inoltre convinto che la vera Medicina non sia tale se non può essere Personalizzata e Umanizzata e pensa che questo lo si ottenga solo con una Medicina Integrata dove i saperi moderni e antichi si fondono insieme.





ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok