Salute

17 Mag 2022


Pesche: proprietà e benefici

Dolce, succosa, profumata e dissetante: la pesca è il frutto di stagione che idrata il corpo dalla calura, rigenerando l’organismo. È naturalmente priva di grassi, povera di zuccheri e a basso indice glicemico, ideale quindi per dar senso di sazietà senza appesantire!

Un po’ di storia

Il pesco è una pianta di origine cinese, anche se per molti secoli si è ritenuto, erroneamente, che provenisse dalla Persia dove si diffuse più tardi. In Cina, il pesco cresceva spontaneamente già duemila anni prima della nascita di Cristo! Arrivò in Italia, forse ad opera di Alessandro Magno, nel corso del primo secolo dopo Cristo, e la sua coltivazione si diffuse in tutto il bacino del Mar Mediterraneo. L’introduzione nel continente americano avvenne soltanto nella prima metà del XVI secolo, in seguito all’insediamento degli Spagnoli in Centro America e, molto più recente, intorno alla metà del XVII, negli USA tramite importazione diretta dalla Cina. Nel XIX il pesco raggiunse l’Australia e, solo agli inizi del XX secolo, l’Africa.

Moltissime leggende sono legate a questa pianta. Si dice, ad esempio, che il pesco nasca da un nocciolo che un pescatore aveva trovato nel ventre di un pesce e che aveva piantato nel suo giardino: ne nacque un albero dai fiori rosei e il frutto venne chiamato pesca per ricordare la sua origine marina.

Oggi il pesco è uno degli alberi da frutto più coltivati in tutti i paesi dal clima temperato. L’Italia è uno dei maggiori produttori: circa l’80% per cento delle pesche consumate fresche sul mercato europeo proviene dal nostro paese, soprattutto da Veneto, Emilia Romagna e Campania.

I benefici delle pesche

Ne esistono diversi tipi, che differiscono per dimensioni, adesione del nocciolo alla polpa, colore della pasta, colore della buccia e presenza superficiale di peluria, ma in generale possiamo dire che le pesche sono un frutto ricco di acqua, fibre, sali minerali e vitamine; dolce ma povero di zuccheri, dunque particolarmente indicato per chi segue un regime alimentare ipocalorico o a basso indice glicemico.

Date le sue proprietà nutritive, la pesca è un frutto idratante, mineralizzante e dissetante, ideale per reintegrare i liquidi e i sali minerali che si perdono nelle calde giornate estive, ma anche per depurare l’organismo dalle scorie grazie alla sua azione drenante e diuretica; aiuta inoltre a prevenire la formazione di radicali liberi.

Per beneficiare appieno dell'apporto di fibre e vitamine, sarebbe meglio mangiare questo frutto con la buccia, accertandosi prima dell’acquisto che si tratti di un prodotto non trattato chimicamente.

La polpa di pesca schiacciata viene tradizionalmente usata sulla pelle, per delle maschere naturali con effetto addolcente e vellutante.

In cucina

La pesca può essere consumata fresca ma anche utilizzata in molti modi in cucina: si presta molto bene alla preparazione di salse, creme, gelatine, marmellate, gelati, sorbetti, frullati o centrifughe; può essere essiccata, sciroppata o congelata; tagliata a fette, completa e dà gusto a torte, crostate, strudel, budini, e a molte altre dolci preparazioni (è infatti uno dei frutti più usati in pasticcieria).

Vi rimandiamo a qualche nostra ricetta per valorizzare al meglio le vostre pesche:






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok