Vegan Style

04 Dic 2021


Ribollita

Una zuppa ricca di tradizione, sana e molto saporita!

Le origine di questa pietanza risalgono al Medioevo, quando i nobili erano soliti consumare le loro pietanze dentro a dei pani detti “mense”. Una volta terminato il pranzo, il pane avanzato veniva dato ai servi, i quali, per sfamarsi, lo univano alle loro povere verdure e lo facevano bollire, ottenendo così una zuppa sostanziosa e saporita. Questa antica ricetta, nota come "ribollita", fa ancora parte della tradizione culinaria italiana, in particolare toscana, ma conosciuta e apprezzata in diverse varianti anche in altre regioni. Gli ingredienti principali restano pane raffermo e ortaggi di stagione, come cavolo nero e fagioli che conferiscono a questo piatto ottimi valori nutrizionali. Seguendo la tradizione contadina, si fa bollire più volte a fuoco lento: prima con le sole verdure, poi con l’aggiunta del pane avanzato; da qui il nome “ribollita”. Più viene cotta, più è buona, in grado di sprigionare tutto il sapore della tradizione e della cucina casalinga.

 

                                                                  

Avocado, il frutto grasso per eccellenza, viene particolarmente apprezzato per le sue proprietà benefiche

Fonte: https://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/avocado-proprieta/
Avocado, il frutto grasso per eccellenza, viene particolarmente apprezzato per le sue proprietà benefiche

Fonte: https://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/avocado-proprieta/
Avocado, il frutto grasso per eccellenza, viene particolarmente apprezzato per le sue proprietà benefiche

Fonte: https://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/avocado-proprieta/
Avocado, il frutto grasso per eccellenza, viene particolarmente apprezzato per le sue proprietà benefiche

Fonte: https://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/avocado-proprieta/
Avocado, il frutto grasso per eccellenza, viene particolarmente apprezzato per le sue proprietà benefiche

Fonte: https://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/avocado-proprieta/

                                                                     

Dosi per 6 persone

Ingredienti per i fagioli:

350gr fagioli cannellini secchi

20gr olio EVO

1 spicchio d'aglio

1 rametto di rosmarino

2l d'acqua

Sale fino q.b.

Pepe nero q.b

Ingredienti per la zuppa:

250gr di verza

300gr di cavolo nero

300gr di bietole

220gr di pane raffermo

25gr di olio EVO

180gr di pomodori pelati

1 patata

80gr di cipolla

80 gr di carote

100 gr di sedano

Pepe nero q.b.

Sale fino q.b.

Peperoncino secco q.b.

Timo fresco q.b.

Procedimento:

Olio extravergine di oliva

Continua su: https://primochef.it/pizza-vegana-con-verdure/cucina-naturale/
Olio extravergine di oliva

Continua su: https://primochef.it/pizza-vegana-con-verdure/cucina-naturale/
160 g di farina di grano saraceno

Continua su: https://primochef.it/pizza-vegana-con-verdure/cucina-naturale/

Iniziamo cucinando i fagioli. Poneteli per una notte intera in ammollo in una bacinella colma d’acqua, ancora meglio se per 24h. Dopodiché in un tegame dai bordi alti buttate l’olio d’oliva, uno spicchio d’aglio e il rosmarino, quando l’olio comincia a sfrigolare aggiungete anche i fagioli scolati.

Coprite il tutto con dell’acqua e cucinateli a fuoco medio-basso per circa un’ora con il coperchio. Salate e pepate a fine cottura, rimuovete il rametto di rosmarino e un po’ di fagioli, perché saranno aggiunti alla fine. Frullate il tutto con un frullatore ad immersione per ottenere una sorta di brodo, con il quale poi cucinerete la zuppa. Ora fate un soffritto di sedano, carote e cipolla e 25 gr circa d’olio, soffriggete a fuoco moderato.

Mentre il soffritto cuoce pelate la patata e tagliatela a dadini. Aggiungetela al soffritto e mentre questo cuoce versate i pelati in una ciotola, schiacciateli con una forchetta e aggiungeteli alle verdure in cottura e lasciate andare. Nel frattempo, dividete a metà la verza, eliminate la parte interna più dura e tagliatela alla julienne, lavate e tagliate grossolanamente sia le bietole che le foglie di cavolo nero e aggiungetele nel tegame in cottura insieme al brodo di fagioli frullato in precedenza, aggiungete un coperchio e portate a bollore. Quando bolle, togliete il coperchio e cuocete per 45 minuti mescolando ogni tanto. A fine cottura aggiungete sale, pepe e i fagioli interi messi da parte in precedenza.

Tagliate il pane raffermo a fette grosse, adagiate alcune di esse sul fondo di una zuppiera e coprite con un paio di mestoli di zuppa. Continuate, alternando gli strati fino a termine degli ingredienti. Raffreddate a temperatura ambiente, coprite con una pellicola e ponete il tutto in frigo per almeno 2 ore. Successivamente, ponetela in un tegame, portatela a bollore, aggiungete timo e peperoncino a piacere. 

Una zuppa ricca di tradizione, sana e molto saporita!






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok