QualBuonDetto

04 Gen 2019


Costruire

Una di quelle canzoni che dovremmo ascoltare e riascoltare continuamente...
Chiudi gli occhi
immagina una gioia
molto probabilmente
penseresti a una partenza
 
Ah si vivesse solo di inizi
di eccitazioni da prima volta
quando tutto ti sorprende e
nulla ti appartiene ancora
 
Penseresti all'odore di un libro nuovo
a quello di vernice fresca
a un regalo da scartare
al giorno prima della festa
al 21 marzo, al primo abbraccio
a una matita intera, alla primavera
alla paura del debutto
al tremore dell'esordio
 
Ma tra la partenza e il traguardo
in mezzo c'è tutto il resto
e tutto il resto è giorno dopo giorno
e giorno dopo giorno è
silenziosamente costruire
e costruire è sapere e potere
rinunciare alla perfezione

Ma il finale è di certo più teatrale
così di ogni storia ricorsi solo
la sua conclusione
 
Così come l'ultimo bicchiere, l'ultima visione
un tramosto solitario, l'inchino e poi il sipario
 
Ma tra l'attesa e il suo compimento
tra il primo tema e il testamento
nel mezzo c'è tutto il resto
e tutto il resto è giorno dopo giorno
e giorno dopo giorno è
silenziosamente costruire
e costruire è sapere e potere
rinunciare alla perfezione

Ti stringo tra le mani
rimani qui
cadrà la neve
a breve

 

Niccolò Fabi








ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok