QualBuonDetto

23 Set 2016


I Giusti

I Giusti, una poesia scritta dal poeta argentino Jorge Luis Borges, ci invita a considerare tutti quei piccoli gesti ed umili atteggiamenti che, nella loro semplicità, fanno trasparire un'anima pura, onesta e sincera.

I Giusti

Un uomo che cura il suo giardino, come voleva Voltaire.
Colui che ringrazia che nel mondo ci sia la musica.
Colui che scopre con piacere un’etimologia.

Due impiegati che giocano una silenziosa partita a scacchi in un bar del Sud.
Il ceramista che pensa a un colore e a una forma.
Il tipografo che compone bene questa pagina, anche se forse non gli va.
Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.
Chi accarezza un animale addormentato.

Chi giustifica o vuole giustificare un male che ha subito.
Chi ringrazia che nel mondo ci sia Stevenson.
Chi preferisce che siano gli altri ad avere la ragione.

Queste persone, che noi ignoriamo, stanno salvando il mondo.

 

(da: “La Cifra” di Jorge Luis Borges – traduzione dallo spagnolo di M. Cacciola © 2007






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok