QualBuonDetto

03 Ago 2018


IL CONTADINO SAGGIO

Questa storia Zen ci insegna che non bisogna mai dare per scontata né la disgrazia né la fortuna, ma dare tempo al tempo, perché ogni cosa potrebbe rivelarsi diversa da come appare...

C’era una volta, in un villaggio cinese, un vecchio contadino che viveva con suo figlio e un cavallo, che era la loro unica fonte di sostentamento.

Un giorno il cavallo scappò lasciando l’uomo senza possibilità di lavorare la terra.
I suoi vicini accorsero da lui per mostrargli la loro solidarietà dicendosi dispiaciuti per l’accaduto.
Lui li ringraziò per la visita, ma domandò loro: «Come fate a sapere se ciò che mi è successo è un bene o un male per me? Chi lo sa!»
I vicini, perplessi dall’atteggiamento del vecchio contadino, andarono via.
Una settimana dopo il cavallo ritornò alla stalla, accompagnato da una grande mandria di cavalli. Giunta la notizia agli abitanti del villaggio, questi tornarono a casa del contadino, congratulandosi con lui per la buona sorte.
«Prima avevi solo un cavallo ed ora ne hai molti, è una grande ricchezza. Che fortuna!», dissero.
«Grazie per la visita e per la vostra solidarietà – rispose lui – ma come fate a sapere se questo è un bene o un male per me?».
I vicini ancora una volta rimasero sconcertati dalla risposta del vecchio contadino e se ne andarono via.
 
Qualche tempo dopo, il figlio del contadino, nel tentativo di addomesticare uno dei nuovi cavalli arrivati, cadde da cavallo rompendosi una gamba.
I vicini premurosi tornarono a far visita al contadino dimostrandosi molto dispiaciuti per la disgrazia.
L’uomo ringraziò per la visita e l’affetto di tutti e nuovamente domandò: «Come potete sapere se l’accaduto è una disgrazia per me? Aspettiamo e vediamo cosa succederà nel tempo».
Ancora una volta la frase del vecchio contadino lasciò tutti stupefatti e senza parole se ne andarono increduli.
 
Trascorsero alcuni mesi ed il Giappone dichiarò guerra alla Cina. Il governo inviò i propri emissari in tutto il paese alla ricerca di giovani in buona salute da inviare al fronte in battaglia. Arrivarono al villaggio e reclutarono tutti i giovani, eccetto il figlio del contadino che aveva la gamba rotta.
Nessuno dei ragazzi ritornò vivo. Il figlio del contadino, invece, guarì e i cavalli furono venduti procurando una buona rendita.

Il saggio contadino passò a visitare i suoi vicini per consolarli ed aiutarli, come loro si erano mostrati solidali con lui in ogni situazione.Ogni volta che qualcuno di loro si lamentava, il saggio contadino diceva: «Come sai se questo è un male?». Se qualcuno si rallegrava troppo, gli domandava: «Come sai se questo è un bene?».

Gli uomini di quel villaggio capirono allora l’insegnamento del saggio contadino che li esortava a non esaltarsi e a non lasciarsi abbattere dagli eventi, accogliendo sempre ciò che è, consapevoli del fatto che – al di là del bene e del male – tutto potrebbe rivelarsi diverso da come appare.






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok