QualBuonTempo

15 Mag 2020


AZIONI IN TEMPO DI SOSTA... CAMBIARE

Fermarsi… per cambiare

Per André Louf, monaco trappista e uomo spirituale tra i più influenti del nostro tempo, un vero cambiamento non si realizza mai una volta per tutte, ma chiede sempre un paziente “ricominciare”, tanto più se la “cosa importante” riguarda la nostra capacità di amore.

Questa consapevolezza ci pone al riparo da due tentazioni opposte e speculari, pericolose per la nostra vita di relazione: lo scoraggiamento, anticamera dell’inerzia, e l’orgoglio, preludio alla durezza di cuore.

Egli  ci conduce a scoprire che, se ogni conquista importante richiede un lungo cammino, allora il tempo, l’avere tempo, è una necessità fondamentale perché ciascuno di noi possa realizzare in pienezza la sua vita, e aiutare gli altri a realizzare la propria.

Gli antichi Greci distinguevano fra “chrónos”, il tempo fisico che scorre inesorabilmente, e “kairós”, il tempo propizio accordato perché possiamo crescere in umanità, e fare del nostro esistere un capolavoro.

In un’epoca, come la nostra, in cui tutti siamo quotidianamente incalzati da un tempo “che non basta mai, la riflessione di Louf ci aiuta a riscoprire che il tempo-kairós va non solo protetto dai modi con cui a volte lo sperperiamo, ma anche coltivato con amore e gratitudine verso la Vita, L’Esistenza, Dio, nella ritrovata consapevolezza che ogni ora, ogni istante, ha un valore unico e insostituibile.

Ben lo narra C. G. Jung nel Libro Rosso:

"Capitano, il mozzo è preoccupato e molto agitato per la quarantena che ci hanno imposto al porto. Potete parlarci voi?"

"Cosa vi turba, ragazzo? Non avete abbastanza cibo? Non dormite abbastanza?"

"Non è questo, Capitano, non sopporto di non poter scendere a terra, di non poter abbracciare i miei cari".

"E se vi facessero scendere e foste contagioso, sopportereste la colpa di infettare qualcuno che non può reggere la malattia?"

"Non me lo perdonerei mai, anche se per me l'hanno inventata questa peste!"

"Può darsi, ma se così non fosse?"

"Ho capito quel che volete dire, ma mi sento privato della libertà, Capitano, mi hanno privato di qualcosa".

"E voi privatevi di ancor più cose, ragazzo".

"Mi prendete in giro?"

"Affatto... Se vi fate privare di qualcosa senza rispondere adeguatamente avete perso".

"Quindi, secondo voi, se mi tolgono qualcosa, per vincere devo togliermene altre da solo?"

"Certo. Io lo feci nella quarantena di sette anni fa".

"E di cosa vi privaste?"

"Dovevo attendere più di venti giorni sulla nave. Erano mesi che aspettavo di far porto e di godermi un po' di primavera a terra. Ci fu un'epidemia. A Port April ci vietarono di scendere.

I primi giorni furono duri. Mi sentivo come voi. Poi iniziai a rispondere a quelle imposizioni non usando la logica.

Sapevo che dopo ventuno giorni di un comportamento si crea un'abitudine, e invece di lamentarmi e crearne di terribili, iniziai a comportarmi in modo diverso da tutti gli altri.

Prima iniziai a riflettere su chi, di privazioni, ne ha molte e per tutti i giorni della sua miserabile vita, per entrare nella giusta ottica, poi mi adoperai per vincere.

Cominciai con il cibo. Mi imposi di mangiare la metà di quanto mangiassi normalmente, poi iniziai a selezionare dei cibi più facilmente digeribili, che non sovraccaricassero il mio corpo. Passai a nutrirmi di cibi che, per tradizione, contribuivano a far stare l'uomo in salute.

Il passo successivo fu di unire a questo una depurazione di malsani pensieri, di averne sempre di più elevati e nobili.

Mi imposi di leggere almeno una pagina al giorno di un libro su un argomento che non conoscevo.

Mi imposi di fare esercizi fisici sul ponte all'alba.

Un vecchio indiano mi aveva detto,anni prima, che il corpo si potenzia trattenendo il respiro. Mi imposi di fare delle profonde respirazioni ogni mattina. Credo che i miei polmoni non abbiano mai raggiunto una tale forza.

La sera era l'ora delle preghiere, l'ora di ringraziare una qualche entità che tutto regola, per non avermi dato il destino di avere privazioni serie per tutta la mia vita.

Sempre l'indiano mi consigliò, anni prima, di prendere l'abitudine di immaginare della luce entrarmi dentro e rendermi più forte. Poteva funzionare anche per quei cari che mi erano lontani, e così, anche questa pratica, fece la comparsa in ogni giorno che passai sulla nave.

Invece di pensare a tutto ciò che non potevo fare, pensai a ciò che avrei fatto una volta sceso.

Vedevo le scene ogni giorno, le vivevo intensamente e mi godevo l'attesa. Tutto ciò che si può avere subito non è mai interessante. L' attesa serve a sublimare il desiderio, a renderlo più potente.

Mi ero privato di cibi succulenti, di tante bottiglie di rum, di bestemmie ed imprecazioni da elencare davanti al resto dell'equipaggio. Mi ero privato di giocare a carte, di dormire molto, di oziare, di pensare solo a ciò di cui mi stavano privando".

"Come andò a finire, Capitano?"

"Acquisii tutte quelle abitudini nuove, ragazzo. Mi fecero scendere dopo molto più tempo del previsto".

"Vi privarono anche della primavera, ordunque?"

"Sì, quell'anno mi privarono della primavera, e di tante altre cose, ma io ero fiorito ugualmente, mi ero portato la primavera dentro, e nessuno avrebbe potuto rubarmela più".

Il cambiamento passa attraverso la presa in carico di noi stessi/e, della nostra vita, delle nostre priorità.

Forse vale la pena provare… ci attendono interessanti scoperte, ancora sconosciute a noi stessi e noi stesse! Un viaggio interessante… pur sostando!






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok