Al ritmo di "Rock the word", la socialità dei bambini riparte dai Centri Estivi

La proposta estiva di Sernaglia della Battaglia ha coinvolto centinaia di bambini e ragazzi (e famiglie con loro). A suggellare l’impegno dei volontari, tanto entusiasmo!

Aggregazione, crescita e divertimento: mai come quest’anno bambini e ragazzi hanno bisogno di socialità “in presenza” per recuperare il tempo perduto a causa dell’emergenza sanitaria. I Centri Estivi del Comune di Sernaglia della Battaglia (TV), gestiti dalla cooperativa CSA, sono stati progettati proprio con questo obiettivo, ovvero accompagnare bambini e ragazzi attraverso percorsi emozionali, sensoriali, sportivi e comunicativi che mettano al centro la relazione con loro stessi, gli altri e i propri bisogni. Al ritmo di “Rock this word: ripartiamo da noi” 185 giovanissimi stanno trascorrendo la loro estate in compagnia, nel rispetto delle regole di buona educazione, sana convivenza e di contenimento della diffusione del Covid-19.

I partecipanti sono complessivamente 185, di cui 22 della scuola media, 87 della scuola primaria e 76 della scuola dell’infanzia. Il tempo pieno è stato attivato solo per i bambini della scuola dell’infanzia (sia di Sernaglia che di Falzè), per i bambini delle classi 1^ e 2^ della scuola primaria (sia di Sernaglia che di Falzè) e per i bambini della classe 3 della scuola primaria di Falzè (che di fatto costituiscono un gruppo unico con quelli di seconda): complessivamente il servizio viene usufruito da 97 bambini.

I centri sono dislocati in diverse sedi: alla scuole dell’infanzia “A. Gasparotto” di Sernaglia della Battaglia ci sono i bambini della scuola dell’infanzia e delle classi 1^ e 2^ della scuola primaria frequentanti le scuole del capoluogo; alla scuola dell’infanzia “Manfredo Collalto” di Falzè di Piave ci sono i bambini della scuola dell’infanzia e delle classi 1^, 2^ e 3^ della scuola primaria frequentanti le scuole della frazione di Falzè di Piave; al Centro Giovani di Sernaglia della Battaglia ci sono ragazzi delle scuole secondarie di 1^ grado e, infine, al CEA di Fontigo ci sono i bambini delle classi 5^ della scuola primaria frequentanti le scuole del capoluogo e di Falzè, e quelli delle classi 3^ e 4^ della scuola primaria frequentanti le scuole del capoluogo. Vengono inoltre utilizzati per le attività la palestra di Sernaglia e il campo sportivo parrocchiale vicino all’asilo di Sernaglia.

I Centri Estivi coprono sia la fascia oraria del mattino che quella del pomeriggio e quest’ultima rappresenta un’importante e nuova opportunità per le famiglie.

Venerdì scorso il sindaco Mirco Villanova, insieme al parroco don Mirko Dalla Torre, è andato a trovare i bambini dei vari gruppi ed è stato travolto dall’entusiasmo dei piccoli concittadini. «È stato bello vedere l’entusiasmo e la voglia di stare assieme dei nostri bambiniafferma il SindacoI Centri Estivi sono un importante momento educativo e sociale, soprattutto in questo periodo, per recuperare tempi di relazione e confronto tra bambini e ragazzi. Uno spazio vitale per loro e prezioso anche per i genitori che lavorano. La sinergia tra Amministrazione Comunale e Parrocchia sta dando ottimi risultati. Aver coinvolto più sedi nelle varie frazioni ha contribuito a vitalizzare anche più luoghi del comune. Ringrazio di cuore gli animatori volontari, gli educatori e l’assistente sociale che consentono la buona riuscita dei Centri».






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok