Comgiova e l'agricoltura sociale: aumenta la produzione di ortaggi bio

Un’importante opportunità di integrazione tra la Comunità, che accoglie soggetti fragili, ed il territorio attraverso l’attività di produzione, vendita e distribuzione di prodotti coltivati a “km zero” e come una volta, quindi nel pieno rispetto della tradizione, senza l’utilizzo di prodotti chimici nocivi.

Con l’arrivo della primavera è ripresa, a pieno ritmo, l’attività di agricoltura sociale della Comunità Giovanile di Parè (Conegliano - TV) Dopo la pausa invernale, dedicata ai lavori di manutenzione della serra, preparazione del terreno e semina, nel mese di aprile sono iniziati i raccolti. Lattughe, spinacino, rucola, bieta, cicoria, rape rosse, sono stati i primi ortaggi che hanno aperto la stagione colturale. A questi, piano piano, si aggiungono tutte le altre varietà che verranno vendute direttamente nel punto vendita della Comunità e distribuite anche presso i negozi del gruppo NaturaSi del nostro territorio, oltre che in alcuni ristoranti e mense scolastiche: cetrioli, fagiolini, zucchine, pomodori, melanzane, peperoni, ecc.

La novità di quest’anno è l’aumento della produzione agricola, grazie all’affidamento alla Comunità Giovanile degli “Orti Solidali”, due ettari di “campo aperto” situati di fronte al grande stabilimento Electrolux di Susegana.  Nel 2015 era stato avviato il progetto di agricoltura sociale “Orti Solidali”, promosso da Fondazione di Comunità ed Electrolux, progetto che ora vede la Comunità Giovanile impegnata ad assicurarne la continuità.

Nel campo vengono coltivati ortaggi biologici, aumentando così la produzione e la vendita, sia in quantità che in varietà, di orticole.

La cosa più importante è che ciò aumenta anche la possibilità di accogliere soggetti fragili (disabili, soggetti con problemi di salute mentale, lavoratori socialmente utili) e studenti che, oltre ai ragazzi ospiti della Comunità, vengono inviati dai servizi del territorio per fare delle esperienze formative e/o socializzanti tramite l’impegno e le possibilità che offre il lavoro agricolo.

Tutte queste persone ogni giorno lavorano insieme, chi più intensamente, chi meno, in base alle proprie possibilità, sempre accompagnati da uno o più operatori, nelle diverse operazioni tipiche della produzione orticola: raccogliere, sarchiare le erbe infestanti, potare e legare i pomodori, zappare, bagnare, ecc. C’è anche chi si impegna nella fase di preparazione e vendita degli ortaggi, nel punto vendita, direttamente in Comunità Giovanile.

L’Orto Biologico della Comunità Giovanile è nato e opera per offrire proprio questo doppio servizio: supportare i percorsi di crescita e di cura di giovani e di soggetti fragili e, allo stesso tempo, offrire alla cittadinanza la possibilità di acquistare ortaggi biologici, sani, naturali e freschi, direttamente sul campo a Km Zero.

Quest'anno, nonostante l'aria pesante che si respira a livello globale, anzi proprio per questo, la Comunità s'impegna, nei limiti del possibile, a lasciare invariati i prezzi.

Il punto vendita per l'acquisto di ortaggi rigorosamente biologici (certificati ICEA) si trova in via Ortigara 133 - Parè di Conegliano ed è aperto tutte le mattine dalle 9.30 alle 12.30 e il mercoledì pomeriggio dalle 15.30 alle 18.30.

Per ulteriori informazioni: tel. 0438 60025 - Facebook Associazione Comunità Giovanile






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok