Il sorriso di Cristina

Progetto di promozione sociale nato da un cuore generoso, ilare e combattivo, che ora dolcemente giace nel ricordo e si fa coraggiosa azione per altri.

L’associazione nasce all’indomani dell’addio a Cristina Maccari Basciano, sconfitta (ma mai arresa) dal male che l’ha portata via alla famiglia e agli amici dopo 8 anni di lotta coraggiosa. Stretti nel bisogno di dare una ragione alla perdita, di perpetuare la sua forza nell’affrontare le avversità e il coraggio generoso con cui ella si prodigava per gli altri, un piccolo nucleo di persone fondano “Il sorriso di Cristina”. Ne fanno parte il marito Angelo, le due figlie Martina e Valentina, gli amici Joanne, Eliana, Antonella e Angelo.

Il logo dell’associazione, un cuore rosso sfrangiato è la traduzione in digitale del disegno di Nicolò, un ragazzino seguito dalla figlia Valentina presso “La Nostra Famiglia”, che sosteneva Cristina con il suo “FORZA!”; il disegno, tracciato con grafia (forse) incerta ma potente, ha campeggiato nei profili telefonici delle amiche di Cristina nei mesi che hanno preceduto la sua morte.

Il nome dell’associazione non poteva suonare altrimenti: «la forza dolorosa con cui Cristina ha affrontato la lunga malattia – ricordano i suoi cari – si nutriva di senso dell’umorismo e di un luminoso sorriso», che non si spegne se concretizzato nelle opere di solidarietà dell’associazione a lei intitolata.

In poco tempo, un’onda affettuosa si è riversata su questo progetto, che si propone di portare un po’ di serenità a persone in stato di bisogno.

«Dalla sua fondazione ad oggi – racconta Angelo Basciano – “Il sorriso di Cristina” si è fatto prossimo a singole persone in difficoltà immediata, pagando visite mediche, accesso al doposcuola, etc., sempre assicurando l’anonimato. Ha anche sostenuto enti meritori, quali: La Nostra Famiglia di Conegliano, per la formazione di operatori che diano supporto a bambini con diagnosi ADHD; la Fondazione Bernardi, per l’inserimento nel mondo del lavoro di ragazzi in situazioni di abbandono e di disagio sociale; l’Associazione Italiana Soccorritori, per il viaggio in ambulanza di un minore verso l’ospedale di Siena e la fornitura di due treni di gomme invernali per le autoambulanze». «Naturalmente – continua Basciano – lo sguardo sul territorio non preclude un sentimento di fratellanza più esteso. Grande e commovente nei gesti e nella sollecitudine è stata la sensibilità di coloro che hanno risposto al richiamo dell’associazione per la raccolta in favore delle popolazioni del Centro Italia colpite dal sisma; in tale occasione “Il sorriso di Cristina” si è gemellato con “Gli Amici di Diego” di Mareno di Piave. E ancora, la tragica fine in Spagna di Matias Schincariol ha attivato l’associazione e la comunità tutta per l’oneroso rientro della salma del ragazzo. Nello stesso periodo c’è stato anche il gemellaggio con la Pro Loco di San Pietro di Feletto, che, attraverso un concerto benefico, ha raccolto fondi dedicati alle opere del Sorriso. Abbiamo contribuito inoltre all’acquisto di un’importante apparecchiatura diagnostica, gemellandoci con l’Associazione Fiorot in occasione della “Corri in Rosa” di San Vendemiano lo scorso 20 novembre. A Natale “Il sorriso di Cristina” ha consegnato 100 cesti natalizi a famiglie indigenti di Conegliano e, con la collaborazione della Scuola Primaria Marconi (Progetto Pane e Tulipani) e l’Associazione Donne Senegalesi, sono stati raccolti beni di prima necessità, ma anche dolci e alimenti, per portare un po’ di leggerezza e spirito natalizio a chi è in difficoltà; sono stati regalati ai più piccoli anche giocattoli e biciclette. Cristina amava molto i bambini. Il suo sorriso, in particolare, ha portato al reparto Pediatria dell’ospedale di Conegliano forniture di latte, termometri neonatali, un tiralatte elettronico e, attraverso i proventi delle iscrizioni alla prima marcia della festa della mamma di maggio, un apparecchio per ossigenoterapia neonatale. L’ultimo grande e felice evento è stato proprio la marcia per la festa della mamma, che l’associazione conta di ripetere nei prossimi anni».

In breve, “Il sorriso di Cristina” fa sentire la sua confortante presenza nel territorio, è sempre pronto a cogliere i bisogni immediati della sua popolazione e si fa in quattro per fare del bene e donare speranza. «I progetti futuri – avverte Angelo Basciano – si fondano sempre sullo spirito che ha animato i precedenti: esserci, dove e per quanto ci è possibile. Siamo una piccola associazione di “pronto soccorso”, ben attenti a non farci travolgere da accattivanti e dispersivi voli pindarici».

Tutte le iniziative sono documentate nella pagina Facebook Il sorriso di Cristina e sono rese possibili grazie alle donazioni dei sostenitori. A Conegliano, nelle serate di Festaloonga (a luglio) e nella giornata di Festa delle Associazioni (a settembre) l’associazione organizza una raccolta fondi attraverso la vendita di gadget. Chi desidera contribuire a questo grande progetto di solidarietà può anche decidere di devolvere all’associazione la cifra destinata alle bomboniere in occasione di eventi o ricorrenze importanti oppure donare il 5 per mille.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok